Il Grande centro prende forma in Sicilia, siglato l'accordo dopo il 'patto dei paccheri' :ilSicilia.it

L'intesa politica dei moderati

Il Grande centro prende forma in Sicilia, siglato l’accordo dopo il ‘patto dei paccheri’

di
22 Maggio 2021

I partiti siciliani si preparano per il grande tour elettorale del 2022-2023, con alle porte elezioni politiche regionali e amministrative, tra le quali quelle di Palermo. Ecco, dunque, che i moderati siglano l’accordo politico del “Grande Centro”, con i big dei partiti centristi che si sono ritrovati attorno a un tavolo – e a un piatto di paccheri – per discutere delle possibili prospettive di un grande centro in forza di un patto elettorale.

Seduti al tavolo i componenti dell’Udc, Eleonora Lo Curto, capogruppo del partito all’Ars e l’onorevole Giovanni Bulla, il segretario regionale Decio Terrana,  gli assessori regionali  Mimmo Turano e Daniela Baglieri, rispettivamente Attività Produttive ed Energia. Dal lato di Cantiere popolare l’assessore regionale al Territorio ed Ambiente, Toto Cordaro, insieme all’ex deputato a Bruxelles Antonello Antinoro e all’ex ministro Saverio Romano, e il coordinatore regionale Massimo Dell’Utri.

Idea Sicilia presente con l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla, e  Italia Viva, forza politica antagonista al governo Musumeci con il capogruppo Nicola D’Agostino, il deputato Edy Tamajo e il leader di Sicilia futura Beppe Picciolo.

Si va avanti verso il grande centro in Sicilia. A Palermo, nei giorni scorsi, un nuovo confronto tra le componenti partitiche e i movimenti che hanno presentato, pochi mesi addietro, una Carta dei Valori che si richiama ai principi del Popolarismo europeo. Dall’incontro è emersa la necessità di una proposta politica che, per essere credibile e contemporanea, deve rispondere ai nuovi bisogni delle regioni meridionali e prospettare soluzioni e modelli sociali dove i diritti delle famiglie, le garanzie dei cittadini e l’attenuazione delle disuguaglianze stiano a fondamento del contratto con gli elettori”.

“Una classe dirigente di donne, uomini e giovani di qualità saranno la garanzia di una iniziativa politica attrattiva, all’insegna della moderazione, ambiziosa, orgogliosa, che metta al centro del proprio impegno il dialogo con cittadini ed amministratori locali. È il primo passo verso una proposta inclusiva ed aperta a movimenti e soggetti politici animati dalla ispirazione popolare europea che condividono scelte ideali e programmatiche”.

“Pronta alle prossime sfide elettorali amministrative e regionali. Si realizza quindi una federazione tra le forze che hanno aderito alla Carta, che dia voce unica a partiti e movimenti politici simili e lanci un nuovo progetto in grado di affrontare le emergenze attuali e di scommettere su un futuro sostenibile dove venga premiata la competenza e ritorni ad essere un valore la solidarietà. Sarà presto fissata la data per la sottoscrizione del patto federativo, cui parteciperanno gli organi dirigenti dei partiti e dei movimenti aderenti”.

Lo si legge in una nota a firma di Nicola D’Agostino di Italia Viva, Decio Terrana dell’Udc, Massimo Dell’Utri di Noi per l’Italia-Cantiere Popolare e Angelo Bellina di Idea Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.