Il killer di Graziella Campagna è in semilibertà. Il fratello Piero: "L'hanno uccisa ancora" :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Il killer di Graziella Campagna è in semilibertà. Il fratello Piero: “L’hanno uccisa ancora”

di
22 Giugno 2022

Graziella Campagna aveva 17 anni quando, il 12 dicembre del 1985, fu uccisa a Forte Campone, per aver visto qualcosa che non doveva, l’agendina del latitante Gerlando Alberti junior. Graziella lavorava in una lavanderia di Villafranca e per il suo omicidio, dopo una serie di processi dal percorso a dir poco tortuoso e lunghissimo, sono stati condannati all’ergastolo Gerlando Alberti junior e Giovanni Sutera.

Adesso però a Sutera, detenuto in Toscana, è stata concessa la semilibertà e potrà uscire per rientrare in carcere la sera. La notizia ha letteralmente sconvolto la famiglia Campagna, ed indignato profondamente il fratello Piero, che da carabiniere (adesso è in pensione) riuscì a scoprire la verità ed a fare condannare i killer.

“Questo Stato facendo così spinge le persone a farsi giustizia da sé, non a rivolgersi alla legge- dichiara Piero Campagna- Se le persone si rendono conto che non è possibile ottenere giustizia si sentono impotenti. Non mi sento rappresentato da questo Stato“.

Piero Campagna ha dedicato tutta la sua vita per far valere il diritto alla giustizia, insieme al fratello Pasquale e il lungo iter giudiziario è durato 25 anni tra insabbiamenti, assoluzioni, silenzi, omertà.

Adesso Sutera uno dei due killer della sorella, condannato all’ergastolo e detenuto in Toscana, potrà uscire dal carcere per fare volontariato presso un’associazione e poi ritornare la sera in carcere. “Non è la prima volta tra l’altro – prosegue Campagna– già nel 2018 la Procura generale di Firenze aveva rigettato l’istanza dell’avvocato della nostra famiglia e non aveva chiesto la revoca della liberazione condizionale concessa nel 2015 a Giovanni Sutera. In seguito eravamo riusciti a far togliere la libertà condizionale e a farlo tornare in carcere e ora gli concedono altri benefici. È una cosa gravissima”.

La storia di Graziella è diventata anche un film per la tv con Peppe Fiorello proprio nel ruolo del fratello Piero, carabiniere testardo e coraggioso.
Mi chiedo -conclude – se i nostri politici quando fanno le leggi pensano che questa ragazza martoriata poteva essere loro figlia o sorella. Inoltre Sutera è un criminale che  non si è mai pentito come può lavorare mi chiedo per un’associazione di volontariato?. Mi vergogno di essere italiano, hanno ucciso un’altra volta mia sorella”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.