19 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05

La storia di Damiano Cosenza che ha percorso 24.272 km a piedi per il mondo

Il libreria il romanzo di Antonio Fiasconaro “Il camminatore solitario”

20 Maggio 2019
'
'
Antonio Fiasconaro
'
'
'
'
'
'

Scorri le foto in alto

La straordinaria storia di un uomo libero che prese a “morsi” le strade del mondo. A piedi, da solo.

Damiano Cosenza, palermitano, classe 1923, è “Il camminatore solitario” che ha percorso 24.272 chilometri a piedi tra deserti, ghiacciai e foreste. Lo spirito d’avventura di un uomo di altri tempi che ha saputo, quando è arrivato il momento della pensione, di tirare fuori il suo “alter ego”. O meglio, il suo vero “ego”.

La sua indole non aveva nulla a che vedere con l’impiegato ad uno sportello di un istituto di credito che per anni era stato. Viene fuori il ritratto di un uomo che ha avuto, fino al termine dei suoi giorni, una grande sete di conoscenza. Ogni sua avventura è documentata da centinaia di foto, appunti, diari, resoconti, lettere da fare invidia ai grandi romanzieri di avventure e viaggiatori dell’Ottocento. Ripeteva spesso che «dentro tutti gli uomini ci sia un po’ di Ulisse».

Antonio Fiasconaro
Antonio Fiasconaro

E’ questo il leitmotiv del libro “Il camminatore solitario – Damiano Cosenza: 24.272 km a piedi per le strade del mondo” di Antonio Fiasconaro. Un libro on the road, dove non si sa mai dove abbia inizio il diario di viaggio e dove finisca il romanzo. Un corollario composto anche da nozioni storiche, antropologiche, sociologiche, teologiche, psicologiche e naturalistiche.

Viaggiatore romantico, “Il camminatore solitario” è senz’altro una figura che colpisce l’immaginario collettivo.

«Viaggiare camminando – affermava spesso – è il mio modo di realizzarmi». Per Damiamo Cosenza la vita, attraverso questo libro, è un viaggio e chi viaggia vive due volte, come sta facendo oggi “Il camminatore solitario” che amava ripetere una frase che gli era stata detta da un saggio in Amazzonia: «Gli occidentali sono schiavi del tempo, noi siamo i padroni».

Tag:
Libri e Cinematografo
di Andrea Giostra

Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice, si racconta in un’intervista

Intervista ad Antonella Biscardi, scrittrice e produttrice "Nel mio libro c’è un invito a rallentare, un po' come andare in bicicletta, con il vento fra i capelli e camminare lenti verso la vita, guardandola, accogliendola, non divorandola … nasce dal desiderio di comunicare positività, dolcezza e amore. I miei hashtag sono: #felicità #amore #tradizioni #ricordi #vita #pezzidinoi".
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.