Il linguaggio mafioso come strumento di identificazione di gruppo :ilSicilia.it

Il linguaggio mafioso come strumento di identificazione di gruppo

di
30 Luglio 2020

L’essere umano è biologicamente determinato ad apprendere dal proprio nucleo antropologico di appartenenza che gli garantisce uno spazio neotenico. In esso, acquisisce gli strumenti per potere abitare il mondo. Lo spazio fetale (neotenico) del mafioso è totalmente occupato. Il mafioso è definibile come una non-persona. Con il termine “mafia” si fa, ormai, riferimento anche al razzismo che si è diffuso in Italia. Chi vive questa cultura è totalmente identificato con la famiglia e con l’insieme delle acquisizioni, credenze, abitudini proprie dell’ambiente di riferimento. Il mafioso non è un “Io”, è un “Noi”. Lui è la mafia. Di fatto non ha identità. A questo punto pensa che anche l’altro non sia una persona: se la schiaccia non gli importa, non è percepito come un essere umano ma come un insetto (G. Lo Verso).

Il linguaggio, all’interno di un’organizzazione criminale, assume determinate caratteristiche. Grazie a una ricerca condotta da G. Lo Verso, G. Mannino, S. Giunta, S. Buccafusca, G. Cannizzaro sulla psicologia del fenomeno mafioso e all’ascolto delle voci dei collaboratori di giustizia, provenienti dall’interno dell’organizzazione, si è giunti alla conclusione che l’attività di Cosa Nostra si intreccia in modo costante con le pratiche linguistiche. È, infatti, da considerare errato il luogo comune secondo cui, per i mafiosi, ‘la migliore parola è quella che non si dice’, perché anche il silenzio è comunicazione e ‘anche il non detto dice’.
Le persone, dalla nascita, si intrecciano in una rete di comunicazioni che si sviluppano a partire da una matrice che è costituita dal gruppo, foulkesianamente parlando, all’interno del quale hanno luogo tutti i processi mentali, personali e transpersonali. Uscire dagli schemi (script) acquisiti è un’utopia (ma non è impossibile se si sradica l’albero, lo si impianta altrove e si nutre di empatia). Gli elementi verbali e non di cui sono dotate queste persone in maniera ‘naturale’ rende difficile considerarli davvero ‘dal di fuori’. Le storie che li hanno spinti a far parte della mafia sono diverse, tuttavia ciò che li lega è proprio la condivisione di una matrice di pensiero rigida. I loro schemi mentali, le loro cornici culturali sorreggono un intero sistema di comunicazione che costituisce uno ‘strumento di governo’ e che genera e coltiva lo psichismo mafioso e la trasmissione valoriale che perpetua nelle generazioni questo stile mentale.
I mafiosi, in qualche modo, sono maestri di semiotica e semantica. La sensazione è che questi uomini non si rifacciano a un codice ben preciso ma piuttosto a regole espressive che incorniciano e fanno da veicolo di un linguaggio implicito, ricco di simbolismi e caratterizzato da una forte obliquità semantica. Utilizzano termini non diretti e non trasparenti, lasciano intravedere significati, senza mai mostrarli chiaramente. Il linguaggio diviene metaforico, fortemente allusivo e mai esplicito in quanto, per essi, non è un semplice mezzo per trasferire informazioni ma qualcosa che va oltre sino a influenzare fortemente la costituzione dell’identità, usandolo come strumento di identificazione di gruppo. È anche attraverso le loro scelte linguistiche che il loro “Io” diventa un “Noi” con cui viene riconosciuto all’interno dell’organizzazione come membro.
Si parla di linguaggio mafioso ogni qual volta sentiamo qualcuno parlare per allusioni o formulare minacce in modo larvato o implicito. Il linguaggio dei mafiosi (o della mafia) si riferisce più alle parole che descrivono la struttura interna dell’organizzazione: Cosa Nostra, commissione, mandamento, capodecina e altre come uomo d’onore che non è necessario accompagnare da spiegazione perché sono entrate, purtroppo, a pieno titolo, nel gergo comune (G. Paternostro).
Certo, come afferma Boas, le parole di una lingua sono adattate all’ambiente in cui vengono usate. Basti pensare alle varie parole esistenti in ogni Paese per esprimere un medesimo fenomeno. Una parola usata solo per il significato letterale può dare luogo a svariati fraintendimenti proprio perché non si conosce bene l’uso culturalmente condiviso da quella determinata cultura. Secondo la prospettiva pragmatico-culturale di Bruner, apprendere una lingua significa anche apprendere i modelli culturali collegati alla lingua in oggetto. Un individuo, per interagire efficacemente ed essere parte integrante di un sistema sociale, deve possedere non solo un’ottima proprietà linguistica ma anche una buona padronanza socio-culturale della cultura di appartenenza (G. Serragiotto).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.