Il Lupo perde il pelo ma non il vizio :ilSicilia.it

Il racconto di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

di
27 Ottobre 2020

Irriconoscibile. Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico? Da questo politico, per la verità, mi sono sempre tenuto alla larga: la sua appartenenza all’Opus Dei, come potete ben comprendere, non è proprio l’ideale per me. Anche se l’Opera di Dio, secondo alcuni, odori di zolfo. Una fragranza che non mi dispiace, ma Lupo, nonostante la sua appartenenza all’Opus Dei, continua a ‘puzzare’ d’incenso. Ma pure lui, dietro i lineamenti di ragazzo per bene, nasconde un no so che di diavolesco.

Negli ultimi tempi, mi sembra che il capogruppo all’Ars del Pd abbia subito una sorta di trasmutazione: è diventato più grillino dei grillini, non perde occasione per salire sulle barricate e incalzare il presidente della Regione, Nello Musumeci, richiamandolo, anche più volte al giorno, alle sue responsabilità.

Salta il click day? E di chi è la colpa? Di Musumeci; non vengono erogati i fondi previsti dalla finanziaria anticovid? Colpa di Musumeci. L’elenco potrebbe essere lungo. Musumeci, in quanto capo dell’amministrazione regionale, ha la responsabilità oggettiva delle cose che non funzionano. E sono proprio tante. Però, bisogna riconoscere a Lupo che sconti non ne faceva neanche quando presidente della Regione era il suo compagno di partito, Rosario Crocetta. Forse perché Crocetta aveva scelto come consigliere principe l’ex senatore Beppe Lumia, che lo aveva sfidato per la conquista della segreteria regionale del Pd, nel lontano 2009. Le primarie non le vinsero né Lupo né Lumia né Bernardo Mattarella che rappresentava la mozione Bersani; Lupo quella Franceschini, mentre Lumia aveva deciso di presentare una propria lista, peraltro sostenuta dall’allora capogruppo Antonello Cracolici e da Pino Apprendi.

Mattarella, che si era classificato terzo, decise di schierarsi con Lupo. Quindi, l’esito della riunione della direzione, che avrebbe dovuto eleggere il segretario, era scontato. Lumia e Cracolici tentarono di ribaltare il tavolo, chiedendo di aprire un dibattito. Di fronte al diniego, con una plateale dimostrazione di inferiorità, Lumia e Cracolici abbandonarono il San Paolo Hotel.

Scusate il divagare, ma alla mia memoria affiorano ricordi di tanti anni fa. Chi si ricordava più di questo episodio? E le continue liti tra Lupo e Crocetta. Evidentemente, il vizietto non lo ha abbandonato. Lupo cambia il pelo ma non perde il vizio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.