Il Lupo perde il pelo ma non il vizio :ilSicilia.it

Il racconto di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

di
27 Ottobre 2020

Irriconoscibile. Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico? Da questo politico, per la verità, mi sono sempre tenuto alla larga: la sua appartenenza all’Opus Dei, come potete ben comprendere, non è proprio l’ideale per me. Anche se l’Opera di Dio, secondo alcuni, odori di zolfo. Una fragranza che non mi dispiace, ma Lupo, nonostante la sua appartenenza all’Opus Dei, continua a ‘puzzare’ d’incenso. Ma pure lui, dietro i lineamenti di ragazzo per bene, nasconde un no so che di diavolesco.

Negli ultimi tempi, mi sembra che il capogruppo all’Ars del Pd abbia subito una sorta di trasmutazione: è diventato più grillino dei grillini, non perde occasione per salire sulle barricate e incalzare il presidente della Regione, Nello Musumeci, richiamandolo, anche più volte al giorno, alle sue responsabilità.

Salta il click day? E di chi è la colpa? Di Musumeci; non vengono erogati i fondi previsti dalla finanziaria anticovid? Colpa di Musumeci. L’elenco potrebbe essere lungo. Musumeci, in quanto capo dell’amministrazione regionale, ha la responsabilità oggettiva delle cose che non funzionano. E sono proprio tante. Però, bisogna riconoscere a Lupo che sconti non ne faceva neanche quando presidente della Regione era il suo compagno di partito, Rosario Crocetta. Forse perché Crocetta aveva scelto come consigliere principe l’ex senatore Beppe Lumia, che lo aveva sfidato per la conquista della segreteria regionale del Pd, nel lontano 2009. Le primarie non le vinsero né Lupo né Lumia né Bernardo Mattarella che rappresentava la mozione Bersani; Lupo quella Franceschini, mentre Lumia aveva deciso di presentare una propria lista, peraltro sostenuta dall’allora capogruppo Antonello Cracolici e da Pino Apprendi.

Mattarella, che si era classificato terzo, decise di schierarsi con Lupo. Quindi, l’esito della riunione della direzione, che avrebbe dovuto eleggere il segretario, era scontato. Lumia e Cracolici tentarono di ribaltare il tavolo, chiedendo di aprire un dibattito. Di fronte al diniego, con una plateale dimostrazione di inferiorità, Lumia e Cracolici abbandonarono il San Paolo Hotel.

Scusate il divagare, ma alla mia memoria affiorano ricordi di tanti anni fa. Chi si ricordava più di questo episodio? E le continue liti tra Lupo e Crocetta. Evidentemente, il vizietto non lo ha abbandonato. Lupo cambia il pelo ma non perde il vizio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin