Il maltempo fa strage: morti e dispersi in Sicilia :ilSicilia.it

esondano diversi fiumi, Situazione di allerta

Il maltempo fa strage: morti e dispersi in Sicilia

di
4 Novembre 2018

Nove persone, tra cui donne e bambini, sono morte in una villa in contrada Cavallaro a Casteldaccia (in provincia di Palermo) a causa dell’esondazione del fiume Milicia ingrossato dalle piogge cadute ieri. Vigili del fuoco, Carabinieri, Protezione civile e sanitari del 118 si sono recati sul posto. Altre tre persone che si trovavano nella villa si sarebbero salvate. La villa si trova al confine dei comuni di Altavilla Milicia e Casteldaccia, non distante dall’autostrada Palermo-Catania. Nell’abitazione si trovavano amici e parenti per trascorrere insieme la serata. Due persone, un uomo e una bambina, si sono salvate perché uscite per andare ad acquistare dei dolci. Una terza persona rimasta fuori dalla casa ha lanciato l’allarme col cellulare aggrappandosi a un albero quando l’abitazione è stata sommersa dall’acqua. Le vittime sarebbero annegate perché l’acqua è arrivata veloce raggiungendo il soffitto.

Fra i morti un ragazzino di quindici anni e due bambini di uno e tre anni: le vittime sono Rachele Giordano, (un anno), Francesco Rugò (3 anni), Federico Giordano (15 anni), Matilde Comito (57 anni), Marco Giordano  (32 anni),Stefania Catanzaro, (32 anni), Monia Giordano (40 anni), Nunzia Flamia (65 anni), Antonino Giordano, (65 anni),

E’ stato trovato morto uno dei due uomini che erano dispersi a Vicari (Palermo) a causa del maltempo: è Alessandro Scavone, titolare del distributore di carburanti. L’auto in cui si trovavano è stata investita dall’acqua esondata dal fiume San Leonardo. I due erano andati a recuperare un giovane rimasto al distributore. Quando l’auto, che stava rientrando verso le abitazioni, è stata travolta dalle acque quest’ultimo è riuscito a lanciarsi dalla vettura salvandosi. L’altro disperso, Salvatore D’Amato, 21 anni, è stato trovato a seguito delle ricerche.

Sono in corso le ricerche di Giuseppe Liotta, 40 anni, medico palermitano che si stava recando nell’ospedale di Corleone per prendere servizio: la sua auto è stata trovata in contrada Raviotta, tra Ficuzza e Corleone, sulla statale 118 interrotta in diversi punti per smottamenti ed allagamenti.

Nella notte, i Carabinieri di Cammarata hanno setacciato tutte le strade di accesso al paese, perchè, a mezzanotte, una famiglia del posto aveva fatto presente che due loro parenti sarebbero dovuti giungere in serata dalla Germania. Le ricerche hanno avuto purtroppo un esito drammatico quando i militari  hanno trovato due corpi sommersi dai detriti dopo essere stati sbalzati fuori dal veicolo. Ci vorranno ore per il recupero e per la loro certa identificazione, anche se è forte il sospetto che si tratti delle due persone di cui era stata denunciata la scomparsa ieri sera.

La circolazione depressionaria presente sul Mediterraneo, continua a far confluire correnti umide e instabili verso l’Italia. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse anche per oggi: venti forti meridionali, con raffiche di burrasca, sulla Sicilia. L’avviso prevede per oggi, domenica 4 novembre allerta di livello arancione.

Intanto, il procuratore di Termini Imerese, Ambrogio Cartosio, ha annunciato l’apertura di un fascicolo d’indagine sulla morte delle nove persone travolte dall’acqua nella tarda serata di ieri all’interno di una villa di Casteldaccia. L’obiettivo è fare chiarezza sull’incidente che ha coinvolto due nuclei familiari: “Abbiamo ancora tutto da accertare – ha detto Cartosio a SkyTg24 – quello che è certo e’ che si è trattato di un evento improvviso, con una massa enorme d’acqua che ha travolto la struttura. C’è inoltre da capire se è stato rispettato il vincolo di inedificabilità a 150 metri dal fiume“.

LEGGI ANCHE:

Maltempo in Sicilia: si aggrava il bilancio delle vittime

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.