Il maltempo mette in ginocchio anche Castelmola. Il borgo a rischio calamità | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

I danni ammontano ad oltre 1 milione di euro

Il maltempo mette in ginocchio anche Castelmola. Il borgo a rischio calamità

di
29 Novembre 2016

“Frane e crolli ovunque, la situazione si sta aggravando con il passare delle ore. Adesso lo Stato deve aiutarci, bisogna fare in fretta”. L’appello arriva da Orlando Russo, sindaco di Castelmola, il borgo turistico ritenuto uno dei più belli d’Italia, dove si fa la conta dei danni post-maltempo ed è stata ribadita ancora una volta la richiesta di stato di calamità del territorio.

Il paesino, infatti, è stato gravemente colpito dal nubifragio di venerdì scorso e fa registrare un bilancio pesantissimo, parzialmente mitigato soltanto dal fatto che per fortuna non si è registrata la perdita di vite umane. I danni ammontano ad almeno 1 milione di euro, in un territorio dove negli ultimi quattro anni il sindaco Russo con la sua Giunta è riuscito ad intercettare circa 30 milioni di finanziamenti per la gran parte destinati al risanamento del dissesto idrogeologico. Di recente una frana si era verificata per la seconda volta in tre anni in contrada Cuculunazzo con la caduta di quattro massi in strada, miracolosamente senza conseguenze per i residenti e con una successiva relazione da “allarme rosso” in zona fatta dal Genio Civile e dalla Protezione Civile.

Adesso la bomba d’acqua ha messo in ginocchio il borgo. “Lavorando alacremente giorno e notte siamo riusciti a far liberare alcune strade – afferma Russo – ma la situazione è veramente difficile e ci sono danni un pò ovunque. Fango, accumuli di terra e smottamenti si sono registrati in varie zone del nostro territorio, lungo tutti i 17 chilometri sui quali si estende Castelmola. Nelle contrade i danni sono stati pesantissimi e la gente ci sta aiutando a cercare di tornare in qualche modo alla normalità. Ci sono alcune famiglie isolate e alcune abitazioni evacuate per motivi di sicurezza. Siamo nuovamente alle prese con il problema del torrente Santa Venera”. Il “Santa Venera” ha fatto segnare nuovamente una piena e ora si ripropone l’esigenza di mettere in sicurezza una zona dove si trovano a rischio diversi residenti”. Tra le zone in difficoltà Mastrissa, la via di fuga Castelmola-Ziretto-Tirone, e la strada di Scala Traversa. “Adesso ci auguriamo che la Regione e il Governo centrale ci diano una mano immediata di fronte a tutto questo impressionante dissesto idrogeologico che in caso di nuove piogge rischia di metterci ancor più in ginocchio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin