26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28

BRUSCO CALO DELLE TEMPERATURE

Il maltempo sferza la Sicilia, ondata di vento gelido e neve: la conta dei danni

23 Febbraio 2019

Una forte ondata di gelo sta sferzando la Sicilia. Vento e fiocchi di neve nell’Isola stanno creando disagi e danni un po’ ovunque: dal Trapanese alle Eolie. Ecco la conta dei danni.

TRAPANI. Tre persone sono rimaste ferite a Paceco, (Tp) colpite dal tetto del palazzetto dello sport, volato per le forti raffiche di vento e finito all’interno della villa comunale. Il sindaco Giuseppe Scarcella ha allertato i tecnici degli uffici comunali per verificare le condizioni dei feriti e i danni. Sul posto vigili del fuoco, carabinieri e ambulanze del 118. Uno dei tre feriti è in condizioni gravi: ha subito un trauma cranico, oltre ad un taglio alla testa e la frattura di una gamba. Gli altri due avrebbero riportato lievi contusioni. I sanitari dell’area di emergenza dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani, lo stanno sottoponendo ad una tac. Quindici uomini dei vigili del fuoco di Trapani e tecnici del Comune di Paceco sono impegnati in queste ore per mettere in sicurezza il palazzetto dello sport scoperchiato dal forte vento. Alcune parti metalliche della copertura rischiano di essere spazzate via dalle forti raffiche che ancora soffiano nella zona.

PALERMO. Il forte vento che si è abbattuto su Palermo sta provocando disagi alla circolazione e danni ad abitazioni e agli alberi. Decine gli interventi dei vigili del fuoco nel capoluogo e in provincia per alberi finiti sulle auto e tabelloni pubblicitari divelti e tegole e tettoie volate via.
Alberi su strada alla Favorita, a Mondello, al Foro Italico, ma anche allo Zen e a Monreale. Diversi gli interventi dei pompieri per cercare di mettere in sicurezza verande e tettoie che rischiavano di finire per strada. Da questa mattina sono almeno cinquanta gli interventi eseguiti e altrettante verifiche sono da eseguire nelle prossime ore.

RAGUSA. Nevica a Ragusa dopo che nelle prime ore della giornata il sole ha fatto capolino. Col passar delle ore, la temperatura è scesa considerevolmente e dopo le ore 13 sono arrivati i primi fiocchi di neve. Il sindaco di Ragusa Giuseppe Cassì ha già attivato il presidio di Protezione civile ed ha invitato gli automobilisti a fare uso delle catene.

EOLIE. Alle Eolie ha iniziato a nevicare. Sulle cime delle isole, Salina, Stromboli e Vulcano e anche a bassa quota Pianoconte, Quattropani e Malfa, si sono visti i primi fiocchi. La temperatura è scesa a 7 gradi. Gli eoliani oltre con l’isolamento (da Napoli è solo giunto il traghetto della Siremar e da Lipari è partito in anticipo tra le proteste di alcuni isolani che dovevano raggiungere la terraferma) devono fare i conti con il freddo e il forte vento proveniente da nord.

TRASPORTI. Ritardi e disagi sulla circolazione ferroviaria sulla tratta Palermo-Messina. Il maltempo che ha investito la Sicilia Occidentale, con raffiche di vento da nord-nord est che in alcune zone hanno superato i 55 nodi, sta causando numerosi anche nei collegamenti marittimi e aerei. Nel pomeriggio due voli della compagnia Ryanair in arrivo a Trapani, provenienti da Pisa e Bologna, sono stati dirottati nello scalo Falcone-Borsellino di Palermo dove attualmente il traffico prosegue regolarmente.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.