Il mercato di Emmaus a rischio chiusura, il padiglione della Fiera non è più disponibile :ilSicilia.it
Palermo

Gli spazi posso essere usati solo dalle attività produttive, Emmaus è una no profit

Il mercato di Emmaus a rischio chiusura, il padiglione della Fiera non è più disponibile

15 Maggio 2017

A causa delle incertezze sulla possibile permanenza all’interno del Padiglione 3 della Fiera del Mediterraneo, il mercato di Emmaus Palermo è a rischio chiusura. Il mercato dell’usato permette il sostentamento di una comunità di senzatetto, grazie alla vendita di oggetti e mobili che arrivano da varie donazioni ed è attivo in città da circa due anni.

Le comunità di Emmaus in tutto il mondo sono circa quattrocento. Il padiglione dove si trova il mercato di Emmaus a Palermo va ristrutturato e messo in sicurezza ma c’è anche un altro problema: i padiglioni della Fiera del Mediterraneo sono destinati alle attività produttive, Emmaus non ha scopo di lucro e quindi sussiste un problema burocratico. L’associazione Emmaus ha più volte annunciato che si accollerebbe i lavori di adeguamento e messa in sicurezza a spese proprie ma il problema non sembra essere la ristrutturazione bensì un cavillo burocratico e ancora non si è trovata una soluzione definitiva.

Oggi ci sarà un incontro tra Emmaus e l’amministrazione cittadina per trovare una soluzione. Parteciperanno il presidente di Emmaus nazionale e internazionale, l’assessore alle attività sociali del comune di Palermo Agnese Ciulla e il sindaco Orlando.

Vorremmo riuscire a dialogare con la cittadinanza e con l’amministrazione, – dice Nicola Teresi, uno dei fondatori di Emmaus Palermo – Vogliamo capire se c’è un interesse reale da parte delle istituzioni e della cittadinanza. Capire se interessa avere Emmaus alla Fiera oppure no, noi abbiamo bisogno di uno spazio grande. Abbiamo un rapporto discontinuo con le istituzioni arrivano risposte altalenanti, perché se non può essere Palermo la comunità si trasferisce da qualche altra parte. C’è la paura che ci tolgano da lì perché possono starci solo le attività produttive e noi siamo un’associazione no profit. Se ci dicono che possiamo rimanere li anche con la nostra associazione che si basa su un principio di economia circolare e ci dicono che possiamo rimanere allora la fiera è di tutti“.

Alla comunità di Emmaus abbiamo già assegnato un bene confiscato – spiega l’assessore Ciulla – ma per loro non è abbastanza grande per spostare il mercato. Stiamo cercando di trovare una strada possibile, è una problematica nuova e stiamo studiando una procedura possibile che coniughi un nuovo modo di stare in un luogo dove sono previste solo attività produttive, una nuova forma di accordo tra amministrazione e privati. La comunità ha un impatto positivo sulla città e sulla povertà e vogliamo salvaguardare questa esperienza a Palermo non quel padiglione. È una situazione complicatissima, se ci sarà un protocollo d’intesa, un accordo, ancora non lo so. Oggi pomeriggio parteciperò all’incontro per per avere una posizione più chiara sulla faccenda“.

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.