Il mercato di Emmaus a rischio chiusura, il padiglione della Fiera non è più disponibile :ilSicilia.it
Palermo

Gli spazi posso essere usati solo dalle attività produttive, Emmaus è una no profit

Il mercato di Emmaus a rischio chiusura, il padiglione della Fiera non è più disponibile

di
15 Maggio 2017

A causa delle incertezze sulla possibile permanenza all’interno del Padiglione 3 della Fiera del Mediterraneo, il mercato di Emmaus Palermo è a rischio chiusura. Il mercato dell’usato permette il sostentamento di una comunità di senzatetto, grazie alla vendita di oggetti e mobili che arrivano da varie donazioni ed è attivo in città da circa due anni.

Le comunità di Emmaus in tutto il mondo sono circa quattrocento. Il padiglione dove si trova il mercato di Emmaus a Palermo va ristrutturato e messo in sicurezza ma c’è anche un altro problema: i padiglioni della Fiera del Mediterraneo sono destinati alle attività produttive, Emmaus non ha scopo di lucro e quindi sussiste un problema burocratico. L’associazione Emmaus ha più volte annunciato che si accollerebbe i lavori di adeguamento e messa in sicurezza a spese proprie ma il problema non sembra essere la ristrutturazione bensì un cavillo burocratico e ancora non si è trovata una soluzione definitiva.

Oggi ci sarà un incontro tra Emmaus e l’amministrazione cittadina per trovare una soluzione. Parteciperanno il presidente di Emmaus nazionale e internazionale, l’assessore alle attività sociali del comune di Palermo Agnese Ciulla e il sindaco Orlando.

Vorremmo riuscire a dialogare con la cittadinanza e con l’amministrazione, – dice Nicola Teresi, uno dei fondatori di Emmaus Palermo – Vogliamo capire se c’è un interesse reale da parte delle istituzioni e della cittadinanza. Capire se interessa avere Emmaus alla Fiera oppure no, noi abbiamo bisogno di uno spazio grande. Abbiamo un rapporto discontinuo con le istituzioni arrivano risposte altalenanti, perché se non può essere Palermo la comunità si trasferisce da qualche altra parte. C’è la paura che ci tolgano da lì perché possono starci solo le attività produttive e noi siamo un’associazione no profit. Se ci dicono che possiamo rimanere li anche con la nostra associazione che si basa su un principio di economia circolare e ci dicono che possiamo rimanere allora la fiera è di tutti“.

Alla comunità di Emmaus abbiamo già assegnato un bene confiscato – spiega l’assessore Ciulla – ma per loro non è abbastanza grande per spostare il mercato. Stiamo cercando di trovare una strada possibile, è una problematica nuova e stiamo studiando una procedura possibile che coniughi un nuovo modo di stare in un luogo dove sono previste solo attività produttive, una nuova forma di accordo tra amministrazione e privati. La comunità ha un impatto positivo sulla città e sulla povertà e vogliamo salvaguardare questa esperienza a Palermo non quel padiglione. È una situazione complicatissima, se ci sarà un protocollo d’intesa, un accordo, ancora non lo so. Oggi pomeriggio parteciperò all’incontro per per avere una posizione più chiara sulla faccenda“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.