Il ministro Carfagna a Palermo: "Il Ponte sullo Stretto è necessario" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

LA VISITA ISTITUZIONALE

Il ministro Carfagna a Palermo: “Il Ponte sullo Stretto è necessario” | VIDEO

di
25 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, oggi in visita istituzionale in Sicilia, ha incontrato a Palazzo d’Orleans, il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

ZES (Zone economiche speciali), nomina dei commissari, infrastrutture e Ponte sullo Stretto di Messina sono stati alcuni dei temi affrontati.

Carfagna e Musumeci
Carfagna e Musumeci

“Io ritengo che il Ponte sullo Stretto sia necessario per rompere l’isolamento che condanna la Sicilia a una situazione di arretratezza”, ha detto il ministro Carfagna  a margine dell’incontro a Palazzo d’Orleans con il presidente Musumeci. “Dalla relazione del ministro Giovannini – ha aggiunto Carfagna – emerge la necessità del Ponte sullo Stretto. Da quella relazione sono state escluse le soluzioni subacquee, restano in piedi le soluzioni ad una o tre campate. Quello che interessa è che pare ci sia la volontà tranne qualche ormai esigua perplessità, di assumersi la responsabilità dell’avvio della costruzione del ponte”.

Ridurre il divario di cittadinanza tra Nord e Sud è la missione del governo Draghi per rilanciare le sorti delle regioni del Mezzogiorno, l’obiettivo cardine dell’agenda politica del ministro Carfagna.

Questa è una giornata importante perché è la mia prima visita istituzionale da ministro per il Sud. Fin dal giorno del mio insediamento ho ritenuto di dover avviare un’interlocuzione intensa e assidua con tutti i presidenti delle Regioni del Mezzogiorno. Con Musumeci c’é stata subito un’intesa – ha aggiunto – sulle questioni da affrontare e da risolvere anche con un orizzonte temporale ridotto”.

Mara Carfagna
Mara Carfagna

Mentre venivo qua a Palermo – ha continuato il ministro – pensavo a che cosa sarebbe l’Italia se la Sicilia avesse gli stessi tassi di crescita della Lombardia o del Veneto: sarebbe un Paese finalmente unificato e a beneficiarne non sarebbero soltanto la Sicilia e il Sud, ma l’intero Paese. Sarebbe un paese dove i termini ‘Sud’ e ‘Nord’ non indicherebbero più un insopportabile divario di cittadinanza, ma indicherebbero semplicemente una differenza di cibo, architettura e di paesaggi. Questo è l’obiettivo a cui noi dobbiamo lavorare, questa è la missione che mi sono posta: ridurre il divario di cittadinanza, lottare contro le ingiustizie che ancora affliggono i cittadini del Sud, lavorare affinché nascere al Sud non sia più considerato come un peccato originale da scontare attraverso un minore accesso ai servizi pubblici, a cominciare dall’istruzione, dalla sanità dai trasporti”.

Ridurre lo storico gap infrastrutturale che divide l’Isola dal resto dello Stivale attraverso “Il potenziamento del raddoppio della capacità ferroviaria della Palermo-Messina-Catania comporterà la possibilità di avere non più 4 ma 8 treni e la riduzione dei temi di percorrenza di 60 minuti rispetto agli attuali. Mi rendo conto che si tratta di interventi già programmati, ma non sono stati mai attuati. Il vantaggio di inserirli nel Pnrr risiede proprio nella necessità di portarli a compimento entro il 2026. Quindi, per tutti questi interventi stavolta c’é la garanzia della realizzazione e attuazione”.

Il governatore Musumeci ha evidenziato le priorità della Sicilia, e lo sviluppo del Mezzogiorno passa dal razionale utilizzo delle risorse del Fsc e dal raggiungimento degli obiettivi fissati nel Pnrr,  facendo leva sul ruolo che la Sicilia può e deve svolgere al centro del Mediterraneo.
“Le esigenze sono tante e non tutte sono state soddisfatte dal Piano nazionale di ripresa e resilienza – ha affermato il presidente della Regione, Nello Musumeci – Stiamo lavorando di buona lena, servono progetti esecutivi e abbiamo elaborato un elenco di opere di media grandezza. Le opere strategiche purtroppo non sono inserite nel Pnrr, perché i tempi non sono quelli dell’Ue, ma noi continuiamo a insistere perché il ministero della Transizione ecologica da un lato e quello delle Infrastrutture dall’altro possano aprire un tavolo per consentire alla Sicilia di dotarsi di quell’impianto infrastrutturale indispensabile perché l’Isola possa finalmente diventare naturale piattaforma nel Mediterraneo”.

La Sicilia è certamente una terra competitiva in tutti i settori, dal turismo all’agroalimentare, a quello delle energie rinnovabili e alla cultura.  “Ma deve essere messa nelle condizioni di esprimere al massimo le sue potenzialità. La Sicilia rappresenta il perno della strategia di rilancio della vocazione italiana nel Mediterraneo, in grado di intercettare gli scambi commerciali e turistici che riguardano il Mezzogiorno”, così ha concluso il Ministro per il Sud.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin