Il ministro dell'Interno Salvini in Sicilia: "Toglieremo alla mafia fino all'ultimo centesimo" :ilSicilia.it
Catania

Prima tappa a Catania poi a Messina

Il ministro dell’Interno Salvini in Sicilia: “Toglieremo alla mafia fino all’ultimo centesimo”

14 Agosto 2018

Vigilia di Ferragosto in Sicilia per il ministro dell’Interno Matteo Salvini che visitando a Catania la Geotrans, azienda confiscata alla mafia, ha detto: “Ai mafiosi gli porteremo via tutto fino all’ultimo centesimo“, perchè è “l’unico linguaggio che capiscono“.

salvini-a-catania-2Questa azienda – ha aggiunto – è uno dei 15 mila beni confiscati che vogliamo che siano utilizzati al meglio“.

Oggi ho incontrato amministratori e lavoratori di un’azienda confiscata alla mafia e oggi è gestita bene, con profitto e trasparenza. Per me combattere la mafia è una priorità, le chiacchiere le lascio ad altri“, ha aggiunto Salvini.

Il ministro Salvini si è espresso anche relativamente alla questione migranti: “”L’Italia ha accolto negli ultimi anni più di 700 mila migranti. I nostri porti sono chiusi, i nostri cuori sono aperti per aiutare questi ragazzi a non scappare da casa loro. Aquarius attraccherà, mi dicono, a Malta e gli immigrati verranno suddivisi su altri Paesi europei. Era ora”

L’Italia non poteva continuare ad essere il campo profughi di tutta Europa – ha aggiunto – Il no, la determinazione e il coraggio di questo governo è servito a svegliare l’Europa“.

Per quanto riguardo il buco da 1,6 miliardi di euro del Comune di Catania Salvini ha detto “Il denaro pubblico è sacro, qualcuno dovrà rispondere penalmente, civilmente e politicamente”, del “buco di quasi un miliardo e mezzo di euro“, inoltre il vicepremier non esclude nelle prossime settimane un intervento per salvare il Comune etneo dal dissesto.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.