Il ministro Provenzano a Lampedusa, accolto dal sindaco Martello :ilSicilia.it
Agrigento

dopo i roghi sull'isola

Il ministro Provenzano a Lampedusa, accolto dal sindaco Martello

di
6 Giugno 2020

E’ atterrato questa mattina a Lampedusa, il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. Ad accogliere il ministro, il sindaco dell’isola, Salvatore Martello. Non solo, oltre ad una delegazione di lampedusani, anche il medico ed euro parlamentare, Pietro Bartolo. Alla giornata presenti anche il prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa e il questore Rosa Maria Iraci. Il ministro approda sull’isola, poche ore dopo, l’inferno di fuoco che ha svegliato i lampedusani. Soltanto ieri sera, ignoti, hanno appiccato il fuoco all’interno del “cimitero” dei barconi dei migranti. Dopo una visita al personale della Guardia costiera, il ministro  visiterà la Porta d’Europa, il monumento di Mimmo Paladino, omaggio  allo spirito di accoglienza della più grande delle Pelagie, che nei  giorni scorsi ignoti hanno ‘imballato’ con nastro adesivo e sacchi per la spazzatura. Poi tappa al Comune per un incontro con la Giunta e il consiglio comunale prima di un incontro, in programma nel pomeriggio,  con gli imprenditori locali.

Ferma condanna degli atti incendiari della scorsa notte a Lampedusa che fanno seguito ad altri gravissimi episodi dei giorni scorsi”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Il Viminale sta profondendo ogni sforzo per affrontare la difficile  situazione dell’isola a seguito della pressione migratoria nel  Mediterraneo. Lo Stato c’è. Dobbiamo individuare i responsabili che  tentano di alimentare tensioni e offendono la solidarietà e la  generosità della comunità lampedusana“, ha aggiunto la titolare del Viminale.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.