Il ministro Toninelli arriva in Sicilia: "Ferrovie da terzo mondo, ci rimboccheremo le maniche" :ilSicilia.it

Da oggi nella parte occidentale dell'isola

Il ministro Toninelli arriva in Sicilia: “Ferrovie da terzo mondo, ci rimboccheremo le maniche”

di
19 Novembre 2018

Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli arriva in Sicilia e pubblica un post su Facebook in cui spiega quali saranno i punti all’ordine del giorno della visita nell’Isola: “Visiterò alcune aree della parte occidentale della Regione – scrive Toninelli – ma tornerò molto presto per il versante orientale. Avrò tanto da vedere, da ascoltare. Strade provinciali chiuse da tempo, e a volte quasi dimenticate, che vanno riaperte e rimesse in servizio quanto prima. Viadotti che hanno bisogno di manutenzione urgente. Una gestione delle autostrade da rivedere in profondità”.

Il ministro del governo giallo-verde non usa mezzi termini per definire il sistema trasporti e dei collegamenti in Sicilia:Ferrovie spesso da terzo mondo che necessitano di investimenti improcrastinabili – afferma – sia per quanto riguarda la rete sia sul fronte dei treni. Continuità territoriale da garantire e rafforzare sia via cielo che via mare, senza dimenticare gli arcipelaghi. Sistema portuale da rilanciare, soprattutto visto che stiamo parlando della maggiore isola del Mediterraneo, collocata al centro del Mare nostrum. E un lungo elenco di opere, spesso già finanziate, da avviare o da completare”.

Durante il viaggio in Sicilia, annuncia, avrò notizie importanti da darvi – sia sui porti che sulle strade che ancora sulle ferrovie – perché stiamo già lavorando in modo intenso per consentire agli abitanti di questa splendida terra di muoversi più agilmente al suo interno e di essere meglio collegati al resto del Paese. Anzi, al ‘continente’, come amano dire da quelle parti. Ne va della dignità, della sicurezza e della qualità della vita dei siciliani. Ma si tratta di sfide che riguardano anche l’economia, il lavoro, il sistema produttivo e la capacità di accogliere i turisti in una regione che ha potenzialità enormi sotto ogni aspetto. Come si dice in terra di Trinacria? ‘Amuninni!’. Rimbocchiamoci le maniche e andiamo”.

 

LEGGI ANCHE:

Infrastrutture e cantieri infiniti: due giorni di ispezioni del Ministro Toninelli in Sicilia

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.