Il mistero della morte di Attilio Manca: chiesta la riesumazione del corpo | VIDEO :ilSicilia.it
Messina

La madre: "Doloroso ma serve verità"

Il mistero della morte di Attilio Manca: chiesta la riesumazione del corpo | VIDEO

di
14 Giugno 2018

Gli avvocati Antonio Ingroia e Fabio Repici hanno formalizzato la richiesta di riesumazione della salma di Attilio Manca, il giovane urologo siciliano trovato morto nella sua abitazione di Viterbo nel febbraio del 2004.

“Sarà dolorosissimo, ma spero fermamente che la richiesta venga accolta. Attilio merita verità e giustizia”, commenta la mamma della vittima, Angela Manca.

Il gip di Roma, Elvira Tamburelli, oggi si è riservata di decidere; nei prossimi giorni si saprà se l’inchiesta verrà archiviata o se verranno invece imposti altri mesi di indagine. La morte del medico fu inizialmente ritenuta dovuta ad overdose e fu archiviata come suicidio. I genitori però si sono sempre opposti a questa ricostruzione, sostenendo che il figlio fosse stato ucciso per coprire un intervento subito da Bernardo Provenzano a Marsiglia.

Nel marzo del 2017 è stata condannata a cinque anni e quattro mesi di reclusione anni, oltre a 18 mila euro di multa, Monica Mileti, la donna accusata di aver ceduto la dose di eroina che, nel 2004, avrebbe procurato la morte dell’urologo di Barcellona Pozzo di Gotto.

Tuttavia alcuni collaboratori di giustizia avrebbero rivelato, come riferito già tempo fa dai legali famiglia, di aver saputo che Bernardo Provenzano si era fatto operare da Manca e che avrebbe poi ordinato la sua eliminazione. La procura di Viterbo ha escluso tale circostanza sostenendo non solo che non sono emersi elementi per collegare l’urologo all’ex capo mafia, ma che gli accertamenti tecnici eseguiti hanno stabilito che il decesso avvenne per un’ overdose di eroina.

Con un documento di venti pagine i legali della famiglia Manca si erano opposti alla richiesta di archiviazione, firmata dal procuratore di Roma Giuseppe Pignatone e dall’aggiunto Michele Prestipino. Nei prossimi giorni si saprà se l’inchiesta verrà archiviata o se verranno invece imposti altri mesi di indagine.

repici
Avv. Repici

Oggi si è tenuta l’udienza davanti al gip sulla opposizione alla richiesta di archiviazione. “Io e il mio collega Ingroia – ha spiegato l’avvocato Repici abbiamo sostenuto le ragioni che impongono anche l’iscrizione nel registro degli indagati delle persone indicate dai collaboratori come responsabili dell’omicidio e abbiamo depositato una consulenza tecnica significativa che sostiene il fatto che lo scenario depone per un omicidio anziché per una accidentale morte per overdose. Il consulente tecnico ha quindi segnalato opportunità che il cadavere venga riesumato: potrebbe essere verificata la presenza di microfratture o traumi subiti nell’immediatezza del delitto. Il consulente segnala che dalla stessa autopsia fatta nell’immediatezza della morte, il medico che se ne occupò segnalò forte presenza di sangue nelle cavità nasali ma non altrettanto nella trachea o nei polmoni: quindi il sangue non proveniva dai polmoni ma da un colpo al naso in una colluttazione.

In sostanza per i legali della famiglia Attilio Manca sarebbe stato vittima di un omicidio dissimulato da overdose. Per la procura era presente Maria Cristina Palaia per la quale non ci sono elementi per iscrivere qualcuno nel registro degli indagati per la scarsa attendibilità delle dichiarazioni dei collaboratori.

Il lancio del servizio de Le Iene del 2017:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin