Il mistero dell'agenda rossa, Ayala contro Fiammetta Borsellino: "Anziché andare dai mafiosi parli con me" :ilSicilia.it
Palermo

L'ex pm fu tra i primi ad arrivare in via d'Amelio

Il mistero dell’agenda rossa, Ayala contro Fiammetta Borsellino: “Anziché andare dai mafiosi parli con me”

di
4 Luglio 2019

“Mi sono ritrovato vicino alla blindata dopo essere inciampato sul cadavere di Borsellino. Ero presente fisicamente ma con la testa non c’ero. Vi lascio immaginare quale era in quel momento il mio stato d’animo”. Lo ha detto il magistrato, allora parlamentare, Giuseppe Ayala, rispondendo alle domande del procuratore capo Amedeo Bertone e del Pm Stefano Luciani nel corso dell’udienza al processo sul depistaggio della strage di via D’Amelio che si celebra a Caltanissetta e che vede imputati tre poliziotti, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo.

Mi trovo con questa borsa di Paolo in mano. Non so che farne – ha continuato Ayala – sono confuso. In uno stato di agitazione trovo due ufficiali dei carabinieri e la do a loro. Cosa che rifarei. Poi me ne vado. Accanto a me c’era il giornalista Felice Cavallaro il quale insiste e mi dice, vattene vattene dai tuoi figli e me ne vado. Mi ritrovo con quella borsa in mano forse per meno di un minuto. Il manico della borsa non era bruciacchiato ma forse era un po’ caldo. La borsa non era intatta”.

Ayala in via D'Amelio
Ayala in via D’Amelio

Ayala ha detto di essere poi tornato a casa per tranquillizzare i suoi figli. Alla domanda del Procuratore Bertone su alcune immagini in cui Ayala sarebbe stato visto al telefono l’ex Pm ha risposto: “Assolutamente no. Vorrei vedere queste immagini”.

A proposito invece dell’agenda rossa del giudice Borsellino, Ayala ha spiegato che “nell’86 non avevo nessun rapporto con Paolo. Non avevo idea di questa agenda“.

Poi Ayala replica alla figlia di Borsellino, Fiammetta, che aveva considerato “contraddittorie” le sue “numerose versioni”: “La figlia di Borsellino invece di andare al carcere a sentire gli assassini del padre, può venire da me se ha bisogno di chiarimenti?”.

L’unica cosa certa è che quella borsa poi tornerà improvvisamente di nuovo dentro l’auto, ancora fumante e con qualche focolaio da spegnere. Perché? Poi la nuova asportazione. La borsa sarà per oltre 6 mesi nell’ufficio di Arnaldo La Barbera, abbandonata.

Arnaldo La Barbera [ANSA]
Arnaldo La Barbera [ANSA]
“Dopo la strage – rivelò Lucia Borsellino – la borsa ci venne riconsegnata dal questore Arnaldo La Barbera, ma mancava l’agenda rossa. Mi lamentai subito della mancanza di quell’agenda rossa. Ho avuto una reazione scomposta. Me ne andai sbattendo la porta. Chiesi con vigore che fine avesse fatto la borsa e La Barbera, rivolgendosi a mia madre, le disse che probabilmente avevo bisogno di un supporto psicologico perché era particolarmente provata. Mi fu detto che deliravo. La Barbera escludeva che l’agenda fosse nella borsa”.

Oggi sappiamo che La Barbera (ex capo della squadra mobile di Palermo) era a libro paga del Sisde con il nome in codice Rutilius. Dell’agenda rossa, dopo 27 anni, ancora non v’è traccia.

 

LEGGI ANCHE:

“Un amico mi ha tradito”, il pianto di Borsellino e le nuove indagini sul depistaggio

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

Depistaggio Borsellino, dopo 27 anni il colpo di scena: indagati alcuni magistrati

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin