Il movimento de "I Coraggiosi" aderisce a +Europa, Tabacci: "Giovani leadership ed energie fresche per il Paese" | Video :ilSicilia.it
Banner Bibo

Il primo congresso del partito a gennaio

Il movimento de “I Coraggiosi” aderisce a +Europa, Tabacci: “Giovani leadership ed energie fresche per il Paese” | Video

di
29 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Giovedì 27 dicembre si è riunito il comitato direttivo del movimento I Coraggiosi e dopo un’approfondita analisi della situazione politica attuale e soprattutto in continuità con lo spirito del Movimento, nato dopo le dimissioni di Fabrizio Ferrandelli dall’ARS, I Coraggiosi hanno deciso di aderire alla proposta di +Europa, partecipando attivamente alla campagna congressuale che si concluderà a Milano il 25/26/27 gennaio.

“Ci convince – scrive in una nota il Movimento – l’adesione di +Europa all’Alde (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa). Questo rende la posizione di +Europa chiara, autonoma, alternativa e concorrente alle formazioni politiche tradizionali e sopratutto ai loro rissosi e ingombranti gruppi dirigenti, con una linea netta di demarcazione sui temi dei diritti, della sostenibilità, dell’equità e del lavoro.

Una formazione nata da sensibilità e storie diverse che si ritrovano su principi ed orizzonti comuni, proprio come quella del nostro Movimento, nei cui codici non possiamo che riconoscerci” concludono I Coraggiosi.

Bruno Tabacci, coofondatore +Europa, ha affermato: “Una buona notizia per +Europa l’adesione de I Coraggiosi di Ferrandelli. Giovani leadership ed energie fresche per il Paese“.

+Europa, dunque, ha fatto una scelta importante ossia quella di iscriversi all’Alde e rendersi autonoma rispetto agli schieramenti tradizionali e questo è esattamente il principio politico de I coraggiosi, un movimento indipendente con forze di centrodestra e centrosinistra che si mettono insieme trasversalmente su temi come l’Europa, i diritti e la sostenibilità. Dentro +Europa c’è la cultura democristiana di Bruno Tabacci, la cultura liberale di Benedetto della Vedova, la cultura dei diritti laici di Emma Bonino, dunque, una forza plurale.

A partire dai prossimi appuntamenti elettorali, che sono le Europee, +Europa sarà concorrente alle altre forze politiche tradizionali e a I coraggiosi è sembrato il modo di spostare il movimento, di cui è leader Fabrizio Ferrandelli, su base regionale a quella nazionale.

Partecipando al primo congresso di questo partito I coraggiosi diventano una parte importante della trasformazione di +Europa sicuramente in Sicilia ma anche in Italia. Un salto di qualità notevole che non fa perdere la propria identità di partito ma diventando il movimento de  I Coraggiosi il riferimento di +Europa in Sicilia, portando nei tavoli nazionali i temi del Sud. In questo modo, all’interno di una cornice europea si fa sentire, dunque, forte la voce di un Sud mortificato, facendo diventare la voce siciliana una voce nazionale.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco