"Il Muro" a Capo d'Orlando, in mostra le opere di Mauro Cappotto | FOTO :ilSicilia.it
Messina

Sabato 9 novembre

“Il Muro” a Capo d’Orlando, in mostra le opere di Mauro Cappotto | FOTO

31 Ottobre 2019
Mauro Cappotto, Il Muro
Mauro Cappotto, Il Muro
Mauro Cappotto, Il Muro
Mauro Cappotto, Il Muro
Mauro Cappotto, Il Muro

GUARDA FOTO IN ALTO

Sabato 9 Novembre, presso gli spazi della pinacoteca LOC (Laboratorio Orlando Contemporaneo) di Capo d’Orlando, si svolgerà la mostra intitolata “Die Mauer, The Wall, Il Muro. Inserire il paesaggio manca il cielo“, realizzata dall’artista Mauro Cappotto e che ricorre nel giorno della caduta del muro di Berlino del 1989.

In mostra numerose opere e installazioni che raccontano un percorso di scavo nella memoria che si confronta con l’attualità.

Il punto di partenza, che unisce documentazione a ricostruzione della propria esperienza artistica, è la ricerca che Cappotto negli anni dal 1984 al 1986 ha realizzato a Berlino. Punto di vista privilegiato dell’artista sono gli osservatori di legno che da Berlino Ovest consentivano di “osservare” al di là del muro.

Mauro Cappotto, Il Muro
Mauro Cappotto

Un osservatorio è un radar, un palco, un rifugio, un promontorio, una posizione penultima, una chance. È il punto da cui si disegna, coraggiosa, una prospettiva. Pulpito, trampolino, scala, volo senza paracadute, linea infinita. E ancora, soprattutto, spazio di meditazione. Tregua.

Da Berlino Est si sbirciava la vita di Berlino Ovest, e viceversa. Bastava arrampicarsi su quei trespoli, oggi scomparsi. Memoria e rito Cappotto nutre, con una buona dose di delicatezza poetica, un immaginario popolato di memorie collettive, storie di provincia, pagine metropolitane, rituali consumati e rigenerati.

Qui un orizzonte di preziose tesserine, vestite di resina, ripete l’immagine  dell’osservatorio, mischiandolo con frammenti di luoghi, giorni, memorie. E dinanzi a questa linea imperfetta – che a un certo punto si spezza sulla parete a fianco, mettendo in movimento lo spazio – la foto di uno scorcio d’azzurro, tra mare e cielo, diventa il paesaggio che dall’alto si scruta. Oltre la siepe, oltre la visione costretta o limitata. Lo sguardo, quando si proietta libero, è esercizio di resistenza, possibilità inaudita, sfondamento e raccoglimento.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.