Il Museo Riso celebra gli artisti della "Scuola di Palermo" I VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 25 aprile

Il Museo Riso celebra gli artisti della “Scuola di Palermo” I VIDEO

21 Marzo 2018

 

Erano gli anni ’90 quando un gruppo di artisti, più o meno inconsapevolmente, condividendo lo stesso laboratorio artistico creavano quella che venne poi definita la “Scuola di Palermo“.

A comporla Alessandro Bazan (1966), Francesco De Grandi (1968), Andrea Di Marco (1970 – 2012), e Fulvio Di Piazza (1969), le cui opere oggi, ancora insieme, trovano ospitalità negli spazi di Palazzo Belmonte Riso.

sergio-troisi
Sergio Troisi

L’esposizione, intitolata “La Scuola di Palermo“, curata da Sergio Troisi con la collaborazione di Alessandro Pinto, è distribuita su due piani e presenta circa 80 opere tra dipinti e disegni, provenienti da esposizioni internazionali o collezioni private.

Protagonista, oltre alle capacità dei singoli artisti, è la città di Palermo, fondale e ossessione, scenario da “day after” e risacca quotidiana; emblema, nelle sue contraddizioni, di tutte le periferie del mondo. Attrice del mutante orizzonte storico contemporaneo.

E’ un’operazione rara, quella condotta dal curatore per il Museo Riso, che per la prima volta mette a fuoco e rilegge in chiave critica, anche grazie a numerosi apparati in catalogo, questa stagione felice dell’arte contemporanea in Sicilia che ha visto il ritorno alla pittura come linguaggio d’elezione di una generazione di artisti.

Se la prima volta il gruppo aveva esposto le proprie fatiche artistiche nel 2001 ai Cantieri Culturali della Zisa (lì venne coniata la definizione che dà il nome alla mostra), l’esposizione odierna, accresciuta e più matura, vuole essere anche un sentito omaggio alla figura di Andrea Di Marco, prematuramente scomparso nel 2013.

E proprio in suo onore, la sala delle “grandi tele” propone, in  primo piano, al visitatore una delle opere più belle di Di Marco, tela senza titolo, che ritrae un meraviglioso drappo blu notte e arredi d’argenteria.

Fulvio Di Piazza
Fulvio Di Piazza

L’allestimento prevede un continuo gioco di dialoghi, confronti e contrappunti in cui la figurazione di un universo futuribile e metamorfico di Di Piazza, le periferie e i sospesi e melanconici frame quotidiani di Di Marco, gli allarmati, inquieti e fantastici scenari urbani e paesaggistici di De Grandi e l’affabulazione figurale imbastita da Bazan compongono un mosaico aperto il cui centro è la geografia immaginativa del nostro tempo.

La mostra, visitabile fino al 25 aprile (informazioni sul sito) è promossa dal Museo Riso e realizzata in collaborazione con Elenk’Art.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.