Il Museo Riso celebra gli artisti della "Scuola di Palermo" I VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 25 aprile

Il Museo Riso celebra gli artisti della “Scuola di Palermo” I VIDEO

di
21 Marzo 2018

 

Erano gli anni ’90 quando un gruppo di artisti, più o meno inconsapevolmente, condividendo lo stesso laboratorio artistico creavano quella che venne poi definita la “Scuola di Palermo“.

A comporla Alessandro Bazan (1966), Francesco De Grandi (1968), Andrea Di Marco (1970 – 2012), e Fulvio Di Piazza (1969), le cui opere oggi, ancora insieme, trovano ospitalità negli spazi di Palazzo Belmonte Riso.

sergio-troisi
Sergio Troisi

L’esposizione, intitolata “La Scuola di Palermo“, curata da Sergio Troisi con la collaborazione di Alessandro Pinto, è distribuita su due piani e presenta circa 80 opere tra dipinti e disegni, provenienti da esposizioni internazionali o collezioni private.

Protagonista, oltre alle capacità dei singoli artisti, è la città di Palermo, fondale e ossessione, scenario da “day after” e risacca quotidiana; emblema, nelle sue contraddizioni, di tutte le periferie del mondo. Attrice del mutante orizzonte storico contemporaneo.

E’ un’operazione rara, quella condotta dal curatore per il Museo Riso, che per la prima volta mette a fuoco e rilegge in chiave critica, anche grazie a numerosi apparati in catalogo, questa stagione felice dell’arte contemporanea in Sicilia che ha visto il ritorno alla pittura come linguaggio d’elezione di una generazione di artisti.

Se la prima volta il gruppo aveva esposto le proprie fatiche artistiche nel 2001 ai Cantieri Culturali della Zisa (lì venne coniata la definizione che dà il nome alla mostra), l’esposizione odierna, accresciuta e più matura, vuole essere anche un sentito omaggio alla figura di Andrea Di Marco, prematuramente scomparso nel 2013.

E proprio in suo onore, la sala delle “grandi tele” propone, in  primo piano, al visitatore una delle opere più belle di Di Marco, tela senza titolo, che ritrae un meraviglioso drappo blu notte e arredi d’argenteria.

Fulvio Di Piazza
Fulvio Di Piazza

L’allestimento prevede un continuo gioco di dialoghi, confronti e contrappunti in cui la figurazione di un universo futuribile e metamorfico di Di Piazza, le periferie e i sospesi e melanconici frame quotidiani di Di Marco, gli allarmati, inquieti e fantastici scenari urbani e paesaggistici di De Grandi e l’affabulazione figurale imbastita da Bazan compongono un mosaico aperto il cui centro è la geografia immaginativa del nostro tempo.

La mostra, visitabile fino al 25 aprile (informazioni sul sito) è promossa dal Museo Riso e realizzata in collaborazione con Elenk’Art.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin