Il New York Times e il modello israeliano: dove è finita l’efficacia dei vaccini? | I GRAFICI :ilSicilia.it

l'approfondimento dello specialista

Il New York Times e il modello israeliano: dove è finita l’efficacia dei vaccini? | I GRAFICI

di
21 Agosto 2021

Il New York Time di oggi mette in discussione l’efficacia dei vaccini anti COVID-19 visto l’incremento dei ricoveri nel paese col più elevato tasso di vaccinazione al mondo.

Cerchiamo di capire perché ma per capire non dobbiamo basarci su teorie o speranze solo  guardare all’evidenza dei fatti, cosa di per se che sembra straordinaria in tempi in cui i proclami la fanno da padrone.

Nonostante tutti gli sforzi fatti per campagne di vaccinazioni efficaci l’unico paese al mondo che ha saputo realizzare una campagna metodologicamente corretta e di massa è stato Israele. Lockdown ferreo e successiva vaccinazione tempestiva dell’84% della popolazione adulta e oltre il 90% di quella appartenente alle fasce di età più avanzate. Ma i dati ufficiali parlano chiaro quando indicano un aumento progressivo e repentino delle ospedalizzazioni equiparabile all’ottobre dell’anno scorso, dove tutti i paesi avevano o stavano approntando chiusure totali per l’incremento esponenziale dei contagi. Il problema è che la stessa situazione è presente in molti paesi europei sembra indipendentemente dalle percentuali raggiunte nelle varie campagne di vaccinazione.

GUARDA I GRAFICI IN ALTO

I grafici parlano chiaro: Regno Unito, Francia e Italia hanno un numero di ospedalizzazioni equiparabile ad ottobre scorso anche se non si parla più di chiusure parziali o totali e si continuano da parte del CTS nazionale ad utilizzare indicatori percentuali che non danno mai l’idea di quanto il fenomeno sia oggettivamente grave.

Perché è necessario guardare i numeri assoluti delle ospedalizzazioni? Per due motivi: il primo è che la saturazione dei posti letto (e non il numero di contagi) indipendentemente dalla mortalità per covid toglie risorse per tutti gli altri pazienti non covid aumentando inevitabilmente le complicanze di malattia e la mortalità di questi ultimi; il secondo è che le percentuali si prestano ad alchimie pericolose come per esempio pensare di mantenerle basse aumentando il numero di posti letto disponibili (quindi aumentando il denominatore) fino all’inevitabile punto di rottura. Peraltro spetta ricordare come questo paese negli anni abbia operato maldestramente una riduzione progressiva del numero di posti letto per numero di abitanti che compromette ancor di più la situazione.

Infine se consideriamo che la Medicina Interna ospedaliera è responsabile di un sesto di tutte le dimissioni di questo Paese, che ammontano a poco più di 6 milioni all’anno, la riconversione dei posti letto di questa specialità medica, vocata alla gestione della complessità clinica, mette ancora più in pericolo il vero soddisfacimento dei bisogni assistenziali della nostra popolazione spesso più anziana e con tante patologie concomitanti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin