Il nuovo assessore alle Culture di Palermo Zito si presenta: "Più spazi per gli artisti" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Prima conferenza istituzionale

Il nuovo assessore alle Culture di Palermo Zito si presenta: “Più spazi per gli artisti” | VIDEO

di
15 Luglio 2020

Guarda il video il alto

Vorrei evitare di lavorare sull’ordinario e continuare a sognare, non dimenticando ciò che è stato fatto nel bene e nel male”. Sono questi i presupposti del neo-assessore alle Culture del Comune di Palermo, Mario Zito.

Nella prima conferenza stampa istituzionale, il sindaco Leoluca Orlando ha voluto presentarlo proprio nel giorno di Santa Rosalia “per rimarcare il momento della città“.

L’assessore era stato nominato il 10 luglio, a seguito delle dimissioni di Adham Darawsha.

Sulla nomina

“Non ho avuto modo di fermarmi un giorno – dichiara Zito –. Nel giro di un’ora e con una sola telefonata ho accettato l’incarico, e sto già tentando in tutti i modi che le mie cinque deleghe dialoghino tra di loro quasi come una delega unica. Non posso non nascondere l’emozione del giuramento alla vigilia del Festino, con le parole di don Lorefice e il film su Santa Rosalia, a cui ho partecipato come direttore dell’Accademia di belle arti, che hanno creato un turbine di emozioni”.

“So che quello che mi aspetta è un compito difficile – prosegue – ma sono pronto a raccogliere la sfida. È stato un onore per me giurare alla vigilia del Festino e sono davvero molto emozionato”.

Il programma

“Palermo è e sarà sempre un laboratorio permanente di idee. Farò parte di una squadra”, sottolinea Zito.

Come Capitale della cultura e con Manifesta, Palermo si è svelata: ci siamo accorti in tanti di quanto è bella, con le visioni che gli artisti hanno saputo donarci. Ora è iniziata la stagione del raccontarci, ma è previsto ci sia qualcuno che ascolti. Che ascolti le periferie, ma anche gli abitanti di Palermo in generale, per scambiarci esperienze. Palermo è una città che per estensione non si può circoscrivere a un solo quartiere, ed è una città bella, da vivere tutta. Come diceva Elio Vittorini: ‘Quando la città è bella, le persone sono belle’. Nel racconto ci sta proprio tutto quello che vuole essere il mio programma. Raccontarsi, dunque, ma anche dialogare con tutti, perché l’arte entra dovunque”, spiega l’assessore.

Ma mette subito in chiaro che: “passerò per l’assessore dei ‘no’, viste le condizioni economiche in cui ci troviamo ne sarò orgoglioso. Non credo che l’assessorato abbia il compito di finanziare a pioggia gli eventi, ma bisogna perseguire un modello. La stagione in cui si arrivava in assessorato e si chiedevano soldi ormai è finita. I fondi vanno investiti in progetti che prevedano un post, e non solo quello che viene vissuto al momento.

Sulla delega dei Sistemi espositivi e museali, e delle biblioteche l’assessore evidenzia che “ne abbiamo una presenza unica in città, fra le maggiori nel territorio nazionale. Ora non siamo più giustificati dal lockdown… i musei non possono restare chiusi. Dobbiamo puntare a nuovi spazi espositivi e mettere in rete quelli che già ci sono”.

Invece, per quanto riguarda la delega alla Partecipazione sarà fondamentale l’approvazione in consiglio comunale del “Regolamento di collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la gestione di beni comuni”.

“Questo strumento  – spiega Zito – potrebbe essere la soluzione per gli artisti che giustamente cercano spazi, e che in questo momento li chiedono perché fare spettacoli dove devono addirittura pagare loro non è pensabile. Sicuramente dobbiamo capire quello che avverrà con gli artisti – ribadisce – e con questa sacrosanta protesta di una categoria che dobbiamo sostenere in qualche modo, prevedendo soluzioni prima immediate e poi a lungo termine”.

L’appoggio agli artisti

Bisogna vedere l’approccio su tutto quello che ci sta accadendo. Da direttore dell’Accademia delle Belle Arti capisco bene la difficoltà di potersi esprimere e di non avere gli spazi per farlo. Tra le mie priorità vi è l’instaurazione di un dialogo, insieme a tutte le forze culturali, e gli artisti per trovare degli strumenti creativi per soluzioni condivise in modo che ritorni quell’entusiasmo che è tipico ed è la cifra di quell’artista che deve sbarcare il lunario. Il futuro è in mano dei creativi. la città ha bisogno degli artisti.” Sono state queste le parole concitate dell’assessore.

E su questo anche il Sindaco Orlando ha  evidenziato che, anche per questo,  la scelta di Zito “è sembrata la più naturale: il direttore dell’Accademia di belle arti. Non possiamo non essere vicini al mondo della cultura, alla sacrosanta protesta degli attori, a coloro che non sono strutturati all’interno di un’istituzione pubblica e non possono ricevere contributi. E questo in una città che ha un numero di artisti crescente ogni giorno, per merito proprio degli artisti che animano la città e condividono una visione e un linguaggio”.

Leggi Anche

Comune di Palermo, le prime parole del neoassessore Zito | VIDEO

Comune di Palermo, il professore Zito nuovo assessore alle Culture

Palermo, nuova tegola su Orlando: si dimette l’assessore Darawsha

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.