Il nuovo "caso Sea Eye", Orlando non perde l'occasione: "Palermo un porto sicuro" :ilSicilia.it
Palermo

i migranti soccorsi al largo della Libia

Nuovo “caso Sea Eye”, Orlando non perde l’occasione: “Palermo un porto sicuro”

di
3 Aprile 2019

“A poche ore dalla sparizione di una imbarcazione che aveva lanciato un S.O.S. inascoltato nel Mediterraneo, che fa temere il peggio, la presenza della nave Sea Eye in quella zona è riuscita a salvare 50 vite umane, 50 persone fra cui molti bambini”.

A parlare così è il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a poche ore dall’operazione della nave tedesca che, oggi 3 aprile, ha caricato a bordo 64 migranti che si trovavano in un gommone al largo della Libia.

Ora che si pone il “solito” problema di dove attraccare il primo cittadino palermitano tende subito una mano:  “Mi auguro che nessun Salvini di turno, nè in Italia nè in Europa, pensi di poter fare campagna elettorale sulla pelle di questi esseri umani. Si indichi subito un porto sicuro a questa imbarcazione e a questi naufraghi”.

“Un porto sicuro che non è certamente in Libia e che se non si trovano velocemente alternative potrebbe essere Palermo“. 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.