8 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.58
Palermo

A lui il riconoscimento "La Rosa d'oro"

Il paesaggista Madison Cox a ilSicilia.it: “Palermo ha un posto speciale nel mio cuore” | Video interviste

17 Maggio 2019

Guarda le video interviste in alto 

Da Palermo a Palermo: dalla città argentina al capoluogo siculo, dal 1984 ad oggi la storia del riconoscimento de “La Rosa d’oro” ha continuato sul solco della promozione della cultura, in senso lato, coinvolgendo ad ogni tappa uomini di caratura umana e artistica di altissimo livello.

Madison Cox Maria Kodama
Madison Cox e Maria Kodama Borges

Per la XII edizione del riconoscimento è stato insignito il paesaggista e “poeta della naturaMadison Cox che ha ricevuto “la rosa” a Villa Malfitano, alla presenza delle cariche istituzionali locali e di Maria Kodama Borges, presidente della Fondazione Borgia e moglie dell’illustre scrittore Jorge Luis Borges, primo nella storia ad avere ricevuto il premio come ci ha detto Maria nella video intervista.

In quella occasione per la prima volta sono venuta a Palermo, da allora per me è sempre un piacere ritornare. Fu mio marito a proporre l’idea che il riconoscimento venisse passato come un testimone di mano in mano, affidando la decisione del successivo all’ultima persona nominata“.

La presenza della Kodama in città è stata l’occasione, inaspettata, per il conferimento, voluto dal sindaco Leoluca Orlando, della cittadinanza onoraria che, ancor di più, salda il legame tra il riconoscimento e questa terra.

Madison Cox, anche lui vicino alla città di Palermo, è apprezzato e stimato paesaggista e disegnatore di giardini, conosciuto in tutto il mondo, definito da Franco Maria Raimondo, direttore di PLANTA/Centro di Ricerca Documentazione e Formazione per le Regioni mediterranee e tropicali, “artista cresciuto in sartoria capace di vestire non un corpo ma uno spazio nudo con abiti realizzati con piante su misura“.

Cox

Centinaia sono le opere realizzate da Cox tra cui, quella di cui va più fiero, il riallestimento del celebre Jardin Majorelle di Marrakesh, suo principale riferimento di studi sin dagli inizi.

E proprio a Marrakesh Cox, nei prossimi giorni sarà presente al simposio da lui organizzato dove parlerà del nostro Orto Botanico, tra i più belli, a suo dire, al mondo.

Lui  che porta con sé sempre un piccolo richiamo ai giardini, come si evince dalla video intervista, sensibile e attento osservatore, capace di riprodurre la bellezza minacciata dall’azione dell’uomo ci ha detto: “Sono onorato oggi di essere qui per riceve questo riconoscimento; Palermo ha un posto speciale nel mio cuore“.

Come da prassi, infine, Madison Cox ha dichiarato il nome del suo “successore” al riconoscimento de “La Rosa d’oro” che sarà l’artista Christo Yavachev, ritenuto fra i maggiori rappresentanti al mondo della Land art.

 

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.