23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.10
Palermo

Il conto è stato saldato

Il Palermo paga i debiti con il fisco e prova a salvarsi dal fallimento

25 Gennaio 2018

Il Palermo Calcio ha chiuso il contenzioso con l’Agenzia delle entrate, saldando in un’unica soluzione i debiti della società. Il club rosanero ha presentato ieri pomeriggio la documentazione ai periti del Tribunale fallimentare che nei prossimi giorni daranno il loro parere sull’istanza di fallimento avanzata dalla Procura.

La società ha approfittato delle agevolazioni date dalle rottamazioni delle cartelle esattoriali e ha azzerato la posizione debitoria con il fisco. A questo proposito la procura di Palermo aveva aperto un’indagine (poi chiusa al momento della rateizzazione) sul mancato versamento dell’Iva. Alla chiusura annuale della dichiarazione dell’Iva 2014, la società, essendo in difficoltà di liquido, aveva chiesto ed ottenuto di rateizzare l’importo Iva non pagato per 1.884.578 euro e l’Agenzia delle Entrate aveva concesso la rateizzazione con 20 rate da 104.320 euro cadauna, per un importo complessivo con interessi e sanzione di 2.086.408 euro.

Il conto è stato adesso saldato. Altri due milioni (dei circa 63 contestati dalla Procura come esposizione debitoria) erano già “saltati” perché i periti del Tribunale avevano riscontrato alcune “anomalie numeriche” nella perizia redatta dall’esperto Alessandro Colaci per la Procura di Palermo. Un paio di errori materiali avrebbero fatto “sballare” i conti relativi al patrimonio netto della società al 30 giugno 2015.
(ANSA).

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.