Il Palermo rimane in B ma la Procura Federale ricorre al Coni contro il verdetto :ilSicilia.it
Palermo

ulteriori strascichi per i rosanero

Il Palermo rimane in B ma la Procura Federale ricorre al Coni contro il verdetto

di
30 Maggio 2019

Il day after del Palermo e dei suoi tifosi è decisamente agrodolce. Se da un lato l’ambiente rosanero può ritenersi soddisfatto della sentenza della Corte Federale d’Appello del 29 maggio che ha ridotto la condanna a 20 punti di penalizzazione da scontare in questo campionato (quindi nella stagione 2018/2019), salvando così i rosanero dal baratro della Serie C e dalle relative conseguenze, dall’altro rimangono i rimpianti per l’occasione persa di raggiungere la Serie A già quest’anno, attraverso i play-off promozione.

I tifosi del Palermo si sentono defraudati del sogno promozione. Già, quei tifosi che hanno organizzato manifestazioni, trasferte ed ogni forma di protesta necessaria a difendere i colori rosanero. Quei tifosi che, fino a ventiquattro ore fa, avevano le lacrime agli occhi, increduli di fronte allo spettro di una retrocessione forzata quando il campo aveva collocato il Palermo al terzo posto in classifica.

La sentenza ha lasciato scontenti parecchi soggetti, non soltanto i tifosi rosanero. Prima fra tutte la Procura Federale della Figc, la quale ha già annunciato ricorso al Coni. In poche parole, verranno visionati tutti gli atti e i documenti relativi alle procedure attuate durante il processo. Vi sarà quindi un giudizio di merito, ma solo sul rispetto delle procedure. Nel caso peggiore si potrebbe arrivare ad un annullamento della sentenza di secondo grado, cosa che però appare molto improbabile.

In secondo luogo vi sono le società di Salernitana e Venezia, che saranno costrette a giocare i play-out per mantenere la categoria. Secondo indiscrezioni, le società potrebbero anche rifiutarsi di scendere in campo in quanto, dal loro punto di vista, la sentenza della Corte Federale d’Appello sarebbe vista come una sorta di ingiustizia dovuta dalle circostanze.

Intanto, i membri della proprietà del Palermo hanno tenuto una conferenza stampa all’interno dello stadio Renzo Barbera, per ringraziare  tutti i tifosi del Palermo e tutti coloro i quali, a vario titolo, hanno sostenuto la società rosanero in questo difficile periodo. Salvatore Tuttolomondo, presidente di Arkus Network, ha dichiarato: “L’incontro di oggi è lieto, siamo reduci da un impegno gravoso del nostro pool di legali Trinchera, Terracchio, Pantaleone e il professor Di Ciommo. Siamo qui per dire grazie al sostegno che ci hanno dato tutti: la gente, i giornalisti e tutti coloro che a diverso titolo ci hanno aiutati“.

Tuttolomondo ha parlato inoltre dei futuri progetti ed investimenti sulla società rosanero: “Abbiamo una struttura aziendale già formata, con un direttore generale che si chiama Fabrizio Lucchesi e che sarà il vero gestore del club in piena autonomia e con potere di firma. Confermiamo che il nostro investimento minimo sarà di 30 milioni di euro, ma se dovessero occorrere altri fondi abbiamo già accordi per un facile reperimento“.

Vi posso fare l’elenco di come li spenderemo – continua – : 9,9 milioni per esigenze correnti di gestione e per spettanze tributarie; 5,5 milioni entro il 24 giugno li impiegheremo per compensi e retribuzioni; abbiamo già pagato regolarmente dipendenti non calciatori e fornitori strategici e con quello che resterà costruiremo una squadra competitiva“.

Ecco, di questo avremmo voluto parlare in questi giorni: di progetti, di sogni e di speranze per il futuro. Invece, ci siamo ritrovati a discutere di processi, di tribunali e di sentenze brutte, talmente brutte da non sembrare vere. Nel calcio vige, o per meglio dire, vigeva una legge: è sempre il campo a parlare. Che sia così, facciamo in modo che il campo torni a parlare, in quanto vera ed unica patria di questo bellissimo sport che è il calcio.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, la Serie B è salva. Venti punti di penalizzazione ai rosanero

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.