Il Palermo torna a sperare nella Seria A: -2 punti al Parma e 4 anni squalifica a Calaiò :ilSicilia.it
Palermo

LE RICHIESTE DELLA PROCURA FIGC

Il Palermo torna a sperare nella Seria A: -2 punti al Parma e 4 anni squalifica a Calaiò

di
17 Luglio 2018

Non tutto è perduto. La storia dell’ultimo Campionato potrebbe essere riscritta dalle aule del tribunale della Giustizia Sportiva. Il Palermo – sconfitto nella discussa finale persa contro il Frosinone – torna a sperare nella Serie A.

La Procura della Figc (rappresentata dal sostituto Dario Perugini), nel processo per tentato illecito sulla vicenda dei messaggi Whatsapp di Calaiò (nella foto in alto) ai giocatori dello Spezia, ha chiesto per il Parma due punti di penalizzazione, da scontare per il campionato passato e con l’effetto dunque di annullare la promozione in serie A. Oppure, in subordine, 6 punti di penalizzazione, se la corte decidesse di applicare la sanzione per il prossimo campionato.

Emanuele Calaiò
Il calciatore del Parma, Emanuele Calaiò, ANSA/CLAUDIO PERI

Per l’attaccante Calaiò chiesti inoltre 4 anni di squalifica, in quanto avrebbe “posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il risultato finale della gara”. Il Palermo è stato ammesso al procedimento sportivo davanti al Tribunale federale nazionale della Figc. Il Tfn ha accolto l’istanza del club rosanero per il suo “interesse diretto in relazione alla posizione in classifica” del Palermo nello scorso campionato di serie B e in quanto “finalista dei playoff”.

Insomma, i rosa restano in attesa, con la speranza ultima a morire. Anche Il Chievo rischia di perdere la Serie A: sotto la lente d’ingrandimento per illeciti amministrativi sono finiti proprio i conti di Chievo e Cesena (deferiti anche i due presidenti Luca Campedelli e Giorgio Lugaresi), truccati secondo l’accusa attraverso il tesseramento di ben 30 calciatori con valutazioni gonfiate. Nel deferimento dello scorso 25 giugno, d’altronde, la Procura federale ha evidenziato che nei bilanci sono state inserite cifre superiori al reale che hanno permesso di contabilizzare plusvalenze fittizie necessarie a far apparire un patrimonio netto superiore a quello esistente alla fine di ciascun esercizio così da ottenere l’iscrizione agli ultimi tre campionati.

Il Crotone (come il Palermo) ora spera nel ripescaggio in A.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.