Il pantano della burocrazia e il governo che vuole riscrivere le regole. L'eolico in Sicilia cambia passo :ilSicilia.it

La finanziaria ha svelato l'orientamento dell'esecutivo Musumeci

Il pantano della burocrazia e il governo che vuole riscrivere le regole. L’eolico in Sicilia cambia passo

di
3 Maggio 2018

Prima di diventare la Sicilia delle fiction e dei luoghi comuni, di solito è l’Isola della palude, in cui tutto rimbalza prima di tornare, indomitamente al proprio posto. A partire dalla burocrazia, alimentata dal flusso delle sue contraddizioni, ma su cui, spesso, si ritorce la nemesi dei risultati peggiori del contrappasso della politica.

Prendiamo, per esempio, la vicenda dei nuovi impianti eolici, gli ultimi autorizzati, dal dipartimento di viale Campania, risalgono a un paio di mesi fa.

Negli ultimi sei mesi sono stati approvati tre parchi a Licata, Marsala e Monreale, e una decina di impianti con tralicci inferiori ai trenta metri. Il numero delle pale eoliche nell’Isola, negli ultimi 16 anni ha raggiunto  le 1.500 unità. Il percorso amministrativo disposto dal precedente esecutivo regionale che doveva portare a una successiva ricognizione e bloccare nuovi impianti in realtà non ha sortito effetti, molte aree non sono state vincolate.

Lo scorso 26 marzo è stato pubblicato il decreto che autorizza la società Metora di Santa Ninfa a realizzare tra Marsala e Salemi un impianto con undici pale eoliche alte 180 metri e una potenza di 39 Megawatt. Il provvedimento era corredato da una documentazione fatta da 20 tra pareri e autorizzazioni, che vengono dati da uffici diversi. È sufficiente che uno solo non dia il via libera per bloccare l’iter, concluderlo negativamente e non autorizzare l’impianto. La Conferenza di servizi da parte del dipartimento Energia apre e chiude il procedimento in questione. Nel sito della Regione, inoltre, compaiono tutte le autorizzazioni date sulle fonti rinnovabili a partire dal 2007.

Il dipartimento di viale Campania, sede dell’assessorato regionale all’Energia, sta per avviare l’iter per il nuovo piano energetico regionale con un percorso che ancora va puntellato, ma di cui si intravedono già le coordinate. Sarà lo strumento (PAERS) con cui si procederà alla disciplina dei prossimi 10 anni di attività energetica della Regione siciliana.

Nello Musumeci ha presentato, sotto forma di emendamento, una norma che di fatto ‘congela’ la possibilità di ulteriori installazioni. Pochi dubbi  sembrano esserci a questo punto sulla materia. Così almeno risulta dalla volontà espressa con chiarezza dopo le ultime, recenti polemiche, sulle autorizzazioni di nuovi impianti fotovoltaici. L’indirizzo da parte del governo siciliano è stato tracciato nella forma più ufficiale possibile, in occasione del rush finale che ha preceduto domenica scorsa l’approvazione della Finanzaria regionale. La Regione inoltre si è riservata il diritto entro 4 mesi di pianificare, d’accordo con le commissioni competenti per individuare ancora zone da sfruttare e se sono compatibili con la tutela del paesaggio e dell’ambiente.

“Se qualcuno pensa di avvantaggiare qualche ditta, spesso nemmeno siciliana, si sbaglia. Non lo consentiremo. Il danno che si arreca, all’ambiente e al territorio, ma anche all’immagine della Sicilia è devastante”. Le parole del vicepresidente dell’Ars  Roberto Di Mauro, chiariscono anche il pensiero della maggioranza, ma adesso si attendono gli effetti concreti. I siciliani hanno voglia di essere stupiti. Meglio tardi che mai,

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Merchandising: Fenomeno planetario, dove acquistare

Il mio primo acquisto di un articolo legato ad una serie tv o ad una saga cinematografica è avvenuto due decenni fa quando, trovandomi a Bologna a passare il capodanno da amici, andai a visitare un negozio del quale avevo sentito parlare tra gli appassionati di fantascienza.

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin