Il paradosso del call center sul coronavirus, M5S: "Mette a repentaglio la salute dei lavoratori" :ilSicilia.it
Palermo

I GRILLINI PROPONGONO IL RICORSO ALLO SMART WORKING

Il paradosso del call center sul coronavirus, M5S: “Mette a repentaglio la salute dei lavoratori”

di
16 Marzo 2020

La deputata regionale del M5S Roberta Schillaci interviene sul caso del call center Almaviva, deputato a ricevere le chiamate sull’emergenza coronavirus.

La portavoce M5S Ars Roberta Schillaci
Roberta Schillaci

In Sicilia il call center che risponde al numero d’emergenza sul Coronavirus il 1500, opera con i lavoratori a rischio Coronavirus. Un paradosso inaccettabile confermato dalle notizie di cronaca che raccontano di un’operatrice del call center di via Cordova positiva al test sul COVID-19 e dalle denunce sindacati – spiega la deputata –. L’azienda metta in atto tutte le precauzioni previste per legge in termine di prevenzione e applichi forme di smart working. Chiedo controlli agli enti preposti sulle azioni di precauzione intraprese dalle aziende“.

Davvero incredibile – spiega Schillaci – come l’azienda che si è vista affidare dal ministero la commessa per il numero d’emergenza 1500 sul coronavirus, metta a repentaglio i lavoratori proprio di Coronavirus dato che, nonostante le decine di segnalazioni, pare continui a non applicare le dovute precauzioni. L’azienda predisponga le postazioni a scacchiera, dispositivi di protezione individuale e attivazione dello smart working. Cosa ancora più preoccupante è che lo stabile dove è allocato il call center è lo stesso che ospita la Corte dei Conti e il CGA, strutture che hanno nel frattempo adottato le misure di tutela dei propri dipendenti come il Lavoro Agile. Senza le necessarie azioni di prevenzione e tutela dei lavoratori, quel palazzo rischia di diventare una vera e propria polveriera per la diffusione del virus“.

Accogliendo il grido d’allarme degli operatori e dei sindacati di Almaviva,  la deputata incalza la Regione ad attivare immediati controlli sulle necessarie prescrizioni di sicurezza.

SULLA STESSA LINEA DI PAOLA E TRIZZINO

Sulla stessa linea si pongono i deputati regionali Nuccio Di Paola e Giampiero Trizzino, i quali segnalano che Almaviva potrebbe non essere l’unico call center a non rispettare le tutele per gli operatori.

Il nostro grido d’allarme – spiegano Di Paola e Trizzino – lo avevamo già lanciato qualche giorno fa con una interrogazione. Si applichi subito lo smart working per tutti gli operatori dei call center che possono purtroppo essere dei luoghi dove il coronavirus può diffondersi in maniera molto veloce se non vengono garantite le adeguate misure di sicurezza e la distanza interpersonale tra i lavoratori. Oggi registriamo questo caso sospetto di un’operatrice Almaviva che metterebbe a repentaglio altre persone“.

Ci giunge voce che in altri call center sparsi in Sicilia ed in particolare modo a Telecontact ci sono sindacati e lavoratori che chiedono lo smart working. Non riusciamo a comprendere perché in Sicilia, dove operano centinaia di lavoratori in questo settore, non si riesca ad applicare tale modalità di lavoro. Il presidente della Regione accolga la nostra proposta di emettere un’ordinanza specifica che impone misure di prevenzione per i lavoratori del call center in Sicilia. Non c’è tempo da perdere“, concludono i deputati grillini.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.