17 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.58

I Dem nello stallo in attesa di capire la propria sorte

Il Pd di Sicilia rischia di sciogliersi nella lunga attesa dei giorni improbabili

9 Maggio 2018

Il Pd di Sicilia si gode la beata transizione dopo le ultime sconfitte, tra Regionali e Politiche, senza complicarsi troppo la vita alla ricerca di formule organizzative e di ristrutturazioni che potrebbero riaprire le faide interne, mai sopite all’interno dello scacchiere Dem nell’Isola.

Fausto Raciti, segretario regionale che non ha mai di fatto ratificato le proprie dimissioni, rimane in attesa di capire quale andamento potrà subire il complicato scenario post renziano nazionale, in cui l’unica cosa certa è che Renzi a Roma, ma non solo, vuol continuare a comandare.

All’Ars la composizione del gruppo parlamentare ad esempio è assolutamente in bilico, anche perché AREA DEM, con Giuseppe Lupo ed Anthony Barbagallo sono ben lontani dal sostenere organicamente un’area, quella renziana in Sicilia, che subirà non pochi attacchi, quando si tratterà di scegliere un nuovo segretario regionale.

C’è più di una zona grigia nei territori siciliani del Pd. Per un Michele Catanzaro, corteggiato dai centristi, dalle cui fila originariamente proviene, c’è una Luisa Lantieri che attende di capire futuro e prospettive, di medio e lungo periodo del partito Democratico. Nello Dipasquale sembra saldamente interessato ad appoggiare la causa, mentre molto dipenderà anche dalle sortite a venire dei deputati di Sicilia Futura Tamajo e D’Agostino, in procinto di passare organicamente al Pd, ma che mantengono al momento una collocazione d’appoggio.   Ma non finisce qui. Il feeling tra Orlando  e l’area renziana di Sicilia, necessita di conferme continue e ulteriori. La partita delle amministrative di Catania rischia di decretare la fine dell’era di Enzo Bianco, fatto che rilancerebbe in Sicilia orientale e non solo a Catania, l’inerzia dei malumori.

Il futuro  dunque si presenta, tanto per cambiare, ancora d’attesa. Il ritorno alle urne e le  nuove liste da rifare per una legge elettorale che potrebbe anche rimanere uguale, metterebbe i colonnelli siciliani in una condizione tattica complicata. Chi invece suonerà a lungo la carica in un partito per il resto silente, è il gruppo de i Partigiani del Pd che non faranno mancare la propria voce di dissenso. In attesa che diventi anche un possibile strumento di proposta.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Prendiamo consapevolezza

Un consiglio da affidare alle suppliche a Santa Rosalia: mettiamo da parte gli slogan, i “nemici da cuntintizza”, gli specchietti per le allodole, prendiamo consapevolezza per una volta che siamo nella merda. Lavoriamo per coprire il gap che ci separa dalle grandi città e un domani sarà tutto consequenziale, anche il pallone.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.