Il Pd in Sicilia e quel "mai con i cinquestelle" urlato da Zingaretti ormai dimenticato :ilSicilia.it

il fatto

Il Pd in Sicilia e quel “mai con i cinquestelle” urlato da Zingaretti ormai dimenticato

di
27 Agosto 2020

Pd e M5S insieme per forza o per amore? Il punto di domanda è d’obbligo se si volge lo sguardo alla Sicilia e a quello che sta accadendo

Anthony Barbagallo

in vista delle prossime elezioni amministrative. E diventa molto interessante sentire cosa dice sull’argomento il segretario dem nell’Isola Anthony Barbagallo: “Con il M5s come con le altre opposizioni al peggior governo della storia della Regione abbiamo il compito di lavorare per tracciare un perimetro comune di alternativa. Le amministrative in questo senso rappresentano un momento di confronto e di dialogo su temi e proposte politiche. Abbiamo lasciato ampio margine di autonomia ai circoli locali del partito. Si è quindi definito l apparentamento a Termini Imerese e a Barcellona pozzo di Gotto“, afferma a ilSicilia.it il segretario dem. Non proprio una dichiarazione di stima incondizionata rivolta ai pentastellati, insomma.

A dimostrarlo sono anche altre considerazioni più strettamente elettorali: la formula del Governo giallorosso, che vede insieme i due partiti in questione a livello nazionale e anche in Sicilia in alcuni comuni al voto non sembra trovare sbocco invece ad Augusta dove i grillini correranno da soli con la ricandidatura del sindaco uscente Cettina Di Pietro. Il Pd, che solo lo scorso giugno è tornato dopo anni a riunirsi per eleggere il suo segretario cittadino Luca Vita, non ha invece ancora deciso chi sostenere. È lo stesso segretario Vita a ritenere che ad Augusta “non ci siano le condizioni per un accordo politico con il Movimento 5 stelle, nei prossimi giorni il Pd riunirà il proprio direttivo per definire la sua linea politica rispetto alle prossime amministrative”.

Il segretario regionale dei dem, Barbagallo, già tempo fa aveva fatto appello a tutte le forze politiche che attualmente sostengono il governo nazionale. A non rispondere all’appello Italia Viva, che già per le amministrative di ottobre, territorio per territorio, sta facendo delle alleanze diverse e sposa un centro moderato che si pone distante dal Pd.

Qualche difficoltà, insomma, nel segnare il percorso che però si sta comunque cercando di avviare. Quel famoso “Mai con i 5 stelle” urlato tempo fa dal leader del Pd Nicola Zingaretti, sembra essere oramai dimenticato tra i rappresentanti del partito democratico dell’Isola. Anche se l’ex senatore Vladimiro Crisafulli afferma a IlSicilia.it: “Dovreste chiederlo a Zingaretti perchè ha cambiato idea“. Anche il ras dei democratici ad Enna e provincia, però, sembra essere uno di quelli che accoglierebbe volentieri una coalizione con i grillini. E non solo: “La coalizione più è larga meglio è. Noi qui ad Enna abbiamo chiesto al Movimento 5 stelle di scegliere un candidato sindaco comune per le prossime elezioni di ottobre. Aspettiamo risposta“, afferma.

E mentre il deputato regionale del Pd Antonello Cracolici, contattato telefonicamente da ilSicilia.it, tiene ad evidenziare: “Sono ancora in vacanza. Non parlo di politica per il momento“, la macchina per portare all’alleanza Pd-M5S in Sicilia è partita. E in alcuni comuni, come a Misilmeri e Villabate, coinvolgerebbe anche il movimento Cento Passi di Claudio Fava: che si tratti di fantapolitica o di esperimenti che aprono scenari suggestivi in vista delle elezioni regionali del 2022 saranno il tempo e le segreterie di partito a deciderlo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.