Il Pd schiaccia l'occhio al M5s in Sicilia per bloccare norme importanti del centro-destra :ilSicilia.it

a Palazzo dei normanni si muove qualcosa

Il Pd schiaccia l’occhio al M5s in Sicilia per bloccare norme importanti del centrodestra

di
3 Settembre 2019

Il Pd tende la mano al movimento 5 stelle in Sicilia, dove all’Ars i due partiti sono entrambe all’opposizione del governo Musumeci. Ma al momento i grillini rimangono in silenzio. La paura di perdere la base del partito nell’Isola è tanta, quindi, anche se già da un po’ di tempo a Palazzo dei Normanni ci sono dei sorrisi e scambi di cortesie da parte delle due forze politiche, i deputati regionali grillini preferiscono mantenere un profilo basso, come se svolgessero il ruolo dell’amante segreta nei confronti del Partito democratico.

Come dire: tenere separate le votazioni all’Ars rispetto alle intese politiche. Ma questi due partiti che a giorni vedranno far nascere un nuovo governo a Roma, targato Conte bis, in Sicilia potrebbero aver la forza di bloccare una delle leggi più attese dal centrodestra, come il ‘collegato’ alla finanziaria. A seguire, potrebbero dar ‘pane duro’ al governo Musumeci in merito alla rivoluzione degli Ato rifiuti. Anche questa, una norma strategica da parte della maggioranza.

Maggioranza che come è abbastanza evidente stenta ad esserci da troppo tempo in questo governo a trazione catanese. Movimento 5 stelle e Pd possono contare su 30 deputati regionali, Fava con lo sguardo a come si evolve la situazione romana potrebbe dare man forte a questa coalizione a Palazzo dei Normanni. Per raggiungere la maggioranza in Aula basterebbero soltanto 4 deputati. E di questi tempi non è poi così difficile riuscire a far cadere l’ago della bilancia attraverso qualche ‘franco tiratore’.

Lunedì prossimo potrebbe essere il banco di prova per capire se questo piano, tanto voluto dalcapogruppo Dem Giuseppe Lupo, possa andare in porto. La prossima settimana il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, consulterà i partiti per chiedere vari accordi sulle norme da approvare proprio sul Collegato. Quasi 100 sono gli emendamenti che per lo più erogano contributi dal valore di una cinquantina di milioni di euro. Lupo ha già teso la mano ai grillini, ma ufficialmente nulla è accaduto. Ossia non c’è stato nessun incontro politico. Rimane in silenzio Cancelleri come anche il capogruppo Cappello.

Chi parla attraverso i suoi social di una possibile intesa (ma sposando le tesi grilline) fra Pd ed M5s è il deputato regionale Giampiero Trizzino: “Il PD in Sicilia dice di volere collaborare con il M5S – scrive su Facebook – E qual è il problema? Non servono alleanze per fare cose buone: abbiamo sul tavolo la riforma dei rifiuti, la legge urbanistica e quella sulle aree protette. Soltanto per la prima, il M5S ha depositato 200 emendamenti. Li condividano tutti e dimostrino di andare oltre le parole”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.