14 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.58

Il dato diffuso da "Zoom Sicilia"

Il Pil per abitante crolla in Sicilia: -40% della media nazionale

2 Aprile 2019

Nel 2006 in Sicilia il Pil per abitante, la quota pro capite della ricchezza prodotta nell’Isola, era più basso del 33% della media nazionale. Oggi la situazione, già non florida, è ulteriormente peggiorata e si rasenta il 40%. E con le dinamiche dell’ultimo quadriennio “occorrerebbero come minimo altri vent’anni per tornare al punto di partenza”.

Stesso discorso sul fronte dell’occupazione. In Sicilia tra il 2008 e il 2014 sono stati bruciati 160 mila posti. Di quest’esercito di espulsi dal mercato, solo un quarto, corrispondente a circa quarantamila persone, ha avuto modo di rientrare nel quadriennio successivo.

Il dato emerge dall’analisi di Zoom Sicilia, rivista che si propone di effettuare il report di analisi congiunturale approfondimento e l’outlook delle tendenze dell’economia, che nasce dalla partnership tra Cisl siciliana e Diste Consulting.

Il semestrale Zoom Sicilia sarà presentato oggi 2 aprile, nell’aula consiliare del Comune di Palermo, in piazza Pretoria, con la presentazione del primo numero, intitolato La marcia del gambero.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.