Il pm Di Matteo scende in campo: "Mi candido al Csm" :ilSicilia.it

le dichiarazioni del giudice antimafia

Il pm Di Matteo scende in campo: “Mi candido al Csm”

26 Giugno 2019

Il pm antimafia Nino Di Matteo scende in campo e decide di accettare la candidatura al Csm. Lo fa nel momento in cui i riflettori sono puntati sulla magistratura, parla di “correnti”, “giochi” di “potere” e di “spallate”.

Un sistema non più tollerabile – dice – cui occorre dare una spallata. Le correnti non sono più soltanto dei gruppi di potere interno ma esprimono la loro forza anche all’esterno“. Secondo Di Matteo, questo riuscirebbe a condizionare le carriere e il lavoro quotidiano dei giudici.

In un’intervista Il Fatto Quotidiano, il magistrato motiva così la scelta di accettare l’invito a candidarsi. “Non sono iscritto ad Autonomia e Indipendenza – continua –non sono iscritto a nessuna corrente e non è mia intenzione farlo”.

Poi dice di nutrire stima nei confronti di Ardita e Davigo. “L’accesso agli organi di autogoverno così come a quello dei ruoli direttivi dell’Associazione nazionale magistrati non possono essere condizionati dal criterio dell’appartenenza a correnti”.

Infine, Di Matteo si dice scevro da condizionamenti provenienti dal passato ma “ci sono pagine importanti nella nostra storia, non solo questo squallore”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!