Il pomodorino che parla albanese. Da Tirana a Vittoria la filiera della frode :ilSicilia.it
Ragusa

Indagine della Guardia di Finanza, Tanasi (Codacons): "Episodi di questo tipo sono vere e proprie truffe"

Il pomodorino che parla albanese. Da Tirana a Vittoria la filiera della frode

di
15 Febbraio 2017

Pomodorini albanesi venduti come siciliani. I finanzieri del Comando provinciale di Ragusa hanno denunciato un vittoriese per frode. L’indagine nasce da una segnalazione del Ministero delle Politiche Agricole e da un controllo nel magazzino di lavorazione di una società all’ingrosso di frutta e ortaggi, dove erano state riscontrate anomalie sulla provenienza e tracciabilità dei prodotti ortofrutticoli. L’azienda avrebbe acquistato 200 quintali di pomodori in Albania che una volta entrati in Italia dal porto di Bari, tramite una società di Polignano a Mare, è stato fatto figurare, ma solo a livello cartolare, come destinato in parte al mercato ortofrutticolo di Padova. Di fatto è stato accertato che tutto il quantitativo è stato dirottato su Vittoria. Nella sede della società il pomodoro albanese è stato poi mischiato con quello locale e destinato alla vendita come pomodoro di alta qualità made in Sicily, peraltro in un periodo dell’anno in cui registrava un valore di mercato elevato che ha permesso di ottenere proventi per circa 20 mila euro. Il tutto approfittando del fatto che il prodotto era destinato alla grande distribuzione e che i titolari non sarebbero stati in grado di accorgersene, visti gli elevati giri d’affari. Il rappresentante legale della società vittoriese e’ stato denunciato per frode in commercio e importazione ai fini di commercializzazione di prodotti agroalimentari recanti false indicazioni di provenienza.

 “Episodi di questo tipo sono vere e proprie truffe a danno sia dei consumatori che dei coltivatori. Questo perché ai cittadini vengono venduti prodotti falsificati, privi cioè delle caratteristiche promesse, consentendo a chi commette tali reati di incassare proventi illeciti a danno degli agricoltori onesti”. Lo afferma il segretario nazionale del Codacons Francesco Tanasi, commentando l’esito degli indagini della Guarda di Finanza di Ragusa che ha portato alla denuncia di un imprenditore del Ragusano che avrebbe venduto come siciliani pomodori che in realtà venivano dall’Albania. “La tutela del ‘Made in Sicily‘ – aggiunge Tanasi – necessita di una intensificazione dei controlli perché il nostro timore è che il caso dei pomodori albanesi scoperti a Vittoria non sia affatto un episodio isolato e che molti operatori senza scrupoli immettano sul mercato finti prodotti siciliani provenienti dai Paesi come Cina, Spagna e Tunisia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.