Il Ponte sullo Stretto e l'ennesimo schiaffo alla Sicilia :ilSicilia.it

l'articolo del professor Pietro Busetta

Il Ponte sullo Stretto e l’ennesimo schiaffo alla Sicilia

di
14 Dicembre 2020

L’ennesimo schiaffo alla Sicilia, come si fa con i parenti poveri! In realtà un rinnovato autolesionismo per il Paese. Parlo dell’esclusione del ponte sullo Stretto dal piano New Generation EU.

Si perché non è solo grave che non sia stato inserito tale opera straordinaria nel piano dei prossimi anni, ma lo è ancora di più che non si voglia fare l’alta velocità da Salerno a Palermo/Augusta. Una storia lunghissima quella che riguarda il ponte, inserito dall’Unione come il corridoio 1, Palermo Berlino, in una visione di importante collegamento con il Mediterraneo. L’Unione lo aveva inserito ed anche finanziato in parte, fin quando Claudio Fava, il candidato presidente bocciato dai siciliani, lo ha fatto depennare con un voto a sorpresa del Parlamento europeo.

L’Italia ovviamente non ha ancora capito che nella sua vocazione euromediterranea si può trovare una valorizzazione del suo ruolo in Europa ed invece si accoda
alla Mittle Europa diventando un fornitore di semi lavorati per l’industria tedesca e francese. Tutto questo per inseguire le fisime ideologiche della
sinistra massimalista e del movimento Cinque Stelle pauperista e per la decrescita infelice. Né i siciliani ed i calabresi hanno la capacità che ebbero le madamine torinesi di scendere in piazza ed obbligare ad un giro di boa, come per la Tav.

Ed adesso siamo persi dietro una provocatoria presa in giro della De Micheli, che insedia commissioni utili solo a rinviare ogni decisone. Il passo successivo non può essere che quello della protesta non violenta ma decisa. Mentre l’unico che ne parla in maniera chiara, richiamandolo in Senato, ironia della sorte, deve essere quella Lega che si sa bene deve difendere gli interessi del Nord. Parliamo di cifre risibili che non mettono certo in discussione il bilancio dello Stato e che si pagherebbero da sole in pochi anni con i pedaggi. Allora perché questo fuoco di fila quando si parla dei collegamenti nel Sud Italia? Semplice il Nord ha sempre ritenuto che il Meridione sia una sua colonia, ottima come riserva di manodopera. Per fare arrivare i metanodotti, per le raffinerie o le produzioni inquinanti. Cambiare approccio e considerarlo una parte del Paese è complicato ed anche costoso . Meglio tenerlo all’angolo ed imporre le strategie utili al sistema nord centrico del paese. Che vede i porti di Genova e Trieste primeggiare, in realtà favorire Rotterdam e la “frugale” Olanda. Un Paese che si dimostra provinciale e non all’altezza di essere uno dei fondatori dell’Europa. Con un Nord arrogante con il Sud e questuante a Bruxelles. La presa di posizione del Governatore De Luca sul Recovery Plan,
dimostra che il lavoro di aprire gli occhi ai meridionali sta raggiungendo il suo obiettivo. Guai a chi tira troppo la corda, perché prima o poi si rompe.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin