Il Ponte sullo Stretto non si farà :ilSicilia.it
Messina

la riflessione

Il Ponte sullo Stretto non si farà

di
14 Marzo 2021

Il Ponte sullo Stretto ovviamente non si farà. Né con i soldi del Recovery Plan, né con quelli che rimarranno liberi perché altri investimenti saranno fatti con le risorse del PNRR. No! Non si farà. Perché decidere di costruire il ponte sullo stretto significa decidere l’alta velocità da Salerno ad Augusta, significa decidere che i porti fondamentali per l’Italia saranno quelli di Gioia Tauro e di Augusta.

Pensate che Genova e Trieste possano tollerare che ciò avvenga? Ma poi pensate che il nostro Paese destinerà 50 miliardi per fare l’alta velocità per quattro campani, in realtà già in parte raggiunti, quattro calabresi e quattro siciliani? D’altra parte che si fa? Si fa il Ponte sullo Stretto e poi si fanno viaggiare i treni a 150 km l’ora su quella che sarebbe la dorsale di collegamento aggiustata, eliminando qualche curva troppo stretta?

Pietro Busetta
Pietro Busetta

E allora prendiamoli per fessi questi meridionali con l’anello al naso, parliamo di ponte a quattro campate, di tunnel subalveo, o sottomarino, parliamo di un altro progetto con diversi piloni posti sul mare in quei 3 km, facciamo altri 10 anni di studi, magari accontentando qualche amico ingegnere che si sta prestando a questo gioco immondo, e poi se ne parlerà.

Nel frattempo avremo fatto passare questo momento in cui ci sono le risorse e poi bisognerà pagare i debiti e allora non ci sarà più spazio nemmeno per una carrettiera altro, che rompere con il Ponte sullo Stretto.

Tanto i meridionali sono abituati ad avere uno schiaffo al giorno e non credo che reagiranno più di tanto continueranno a votare i soliti partiti, magari si sposteranno da uno all’altro, e continueranno ad emigrare. E magari saranno grati ai settentrionali che li faranno lavorare, così generosi ed altruistici. Ai protetti tutto questo sta bene. Ma gli altri che fanno?

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin