Il Ponte sullo Stretto, tutti i motivi per realizzarlo :ilSicilia.it
Messina

LA RIFLESSIONE

Il Ponte sullo Stretto, tutti i motivi per realizzarlo

di
28 Marzo 2021
Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di Massimo Maniscalco sul tema de Ponte sullo Stretto.
Il 23 Marzo Pietro Busetta ha posto la fatidica domanda: Possiamo ancora discutere di un salto di 3 Kilometri che impedisca di collegare in modalità autostradale e ferroviaria ad Alta Velocità Capacità Suez a Berlino?
Massimo Maniscalco
Massimo Maniscalco

La mia convinta risposta:

Assolutamente no, impedire alla Sicilia di svolgere il Proprio ruolo di Porta Sud dell’Europa, di Piattaforma logistica di semilavorati verso industrie manifatturiere, di mobilità di persone, di terminale del Corridoio 1 con il Porto di Augusta, HUB dirimpettaio di Suez, di terminale di Rete TEN-T, di mescola di culture tra aree più intensamente attraversate, di incremento di PIL per aree che ne bisognano e lo avrebbero sarebbe una follia colpevole davanti all’Europa che lo chiede ed alla Storia;

La faccia chi si sente di assumersi la responsabilità di questa inopinabile scelta, adoperando solo argomentazioni formalistiche, quali il rispetto dei tempi di realizzazione;

ciò a fronte di un Progetto che gli ipotetici realizzatori, WeBuild, Saipem, ANAS, Ferrovie dello Stato si sono dichiarati disponibili a realizzare prontamente; quasi unico tra i Progetti ubicabili nel Mezzogiorno ad essere immediatamente approvato, cantierabile, essendo definito e necessitante solo di aggiornamenti e non modifiche come hanno affermato appena ieri importanti esperti consultati, avendo superata la verifica del rapporto costi\benefici, essendo finanziabile con un punteggio elevato nell’ambito del Piano Nazionale di Ripartenza e Resilienza, comportando notevole incremento di nuovi posti di lavoro nel Mezzogiorno, realizzando certamente la saturazione della produzione dell’impianto siderurgico di Taranto, essendo realizzabile in modalità Green, essendo occasione e luogo di utilizzo della più importante tecnologia innovativa del Pianeta Terra, essendo occasione di contaminazione di saperi tra quanti partecipassero alla realizzazione e quanti ospitassero sul territorio del Mezzogiorno gli imprenditori provenienti da altre località del Paese e portatori delle necessarie tecnologie a tutto vantaggio ancora delle competenze delle giovani generazione alle quali il PNRR è dedicato.

Sarà costui capace di spiegare le ragioni della scelta nel merito, senza trincerarsi dietro spiegazioni in Burocratese? 

La Risposta dei Fatti.

La Commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha licenziato il 24 Marzo 2021 il parere sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza in vista del voto che si svolgerà in Parlamento la prossima settimana sulla relazione della Commissione Bilancio sul Recovery Plan;  l ‘Opera Ponte sullo Stretto di Messina definita fondamentale per la crescita del Mezzogiorno e del Paese, è inserita e compresa nel Recovery Plan, potrebbe essere realizzata partendo dal Progetto già pronto e solo destinatario di modifiche, cantierabile in pochi mesi, dopo l’abrogazione della norma del Governo Monti che ha definanziata l’Opera; nonostante il diverso parere del Ministro; l’ultima Commissione Trasporti ha dato il via libera alla realizzazione del tratto di Ferrovia ad Alta Velocità tra Salerno e Reggio Calabria; questo un punto di partenza: l’Italia potrebbe utilizzare, per realizzare le altre Opere necessarie a realizzare il corridoio Augusta\Berlino ed il collegamento TEN-T, fare diventare la Sicilia piattaforma logistica del Mediterraneo, riaffermare l’importanza geostrategica dell’Italia nel Mediterraneo, fare diventare la Sicilia la Porta Sud dell’Europa, definire l collegamento tra la tratta già finanziata con Fondi MIT Palermo\Messina\Catania ed il Ponte e la Reggio\Calabria\Salerno, le risorse non ancora impegnate del Fondo di Coesione 2014\2020; l’assunto che l’Opera non potrebbe essere pronta entro il 2026 e le sue non impossibili proroghe non può essere affermato burocraticamente ed apoditticamente; come l’esperienza Genova si è incaricata di dimostrare: il Governo “Ubi voluit, fecit” ed in questo caso non si potrebbe fare a meno di contare sulla Sensibilità e sulla Visione del Presidente del Consiglio Mario Draghi.  Questa testimonianza in ottica di Bene Comune ed in spirito di Verità.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin