Il porto di Palermo cambia volto: bandi per 160 milioni e nuove assunzioni :ilSicilia.it
Palermo

Previste nuove opere in project financing, parcheggio multipiano

Il porto di Palermo cambia volto: bandi per 160 milioni e nuove assunzioni

di
10 Giugno 2020

In ballo ci sono 160 milioni di euro per le concessioni dei servizi portuali nei porti di Palermo e Termini Imerese (136 milioni) e la realizzazione delle infrastrutture energetiche e reti dati (Smart Port) delle aree dei porti di Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle (oltre 23,5 milioni); investimenti in nuove opere per altri dieci milioni in vent’anni e nuove assunzioni.

Tutto passa attraverso due bandi pubblicati dall’Autorità di sistema portuale del mare di Sicilia occidentale (Adsp) con la formula della finanza di progetto. Il primo, per quasi 136 milioni di euro (75 milioni di incassi diretti e il resto per ribaltamento dei costi), oltre Iva, è finalizzato all’affidamento ventennale dei servizi portuali come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, la gestione delle reti elettrica, idrica e dei servizi di erogazione, la gestione dell’infomobilità, dei parcheggi, la pulizia e la manutenzione delle aree comuni, la mobilità e viabilità nonché la progettazione e la realizzazione delle opere a servizio delle aree comuni del porto di Palermo.

PORTO DI PALERMOServizi gestiti attualmente dalla Osp (operazioni e servizi portuali), società presieduta dall’imprenditore Giuseppe Todaro, che, grazie al diritto di prelazione sulla gestione, parteciperà al bando con un progetto che prevede un investimento di circa otto milioni di euro per la realizzazione di un nuovo parcheggio di tre piani con 250 posti auto in via Patti – nello spazio prima occupato dalle vecchie celle frigorifere -, il rifacimento del prato nel porticciolo della Cala e al Castello a Mare, lo sviluppo della segnaletica per il traffico veicolare e pedonale.

La società, che attualmente occupa 55 persone, potrà fare un salto di qualità tale da spingerla ad aumentare l’organico con nuove assunzioni.

“Il porto si muove verso una dimensione europea, e questo grazie al lavoro del presidente dell’Adsp, Pasqualino Monti, che ha dato un notevole impulso. Attualmente al porto ci sono 52 cantieri aperti e investimenti per 600 milioni – dice Todaro, presidente di Osp – Abbiamo ritenuto fare la nostra parte, continuando a fornire il meglio dei nostri servizi, migliorandoli, per fare diventare il porto di Palermo il fiore all’occhiello del Mediterraneo. Faremo di Palermo un porto all’avanguardia a livello europeo sull’accoglienza, servizi, viabilità, parcheggi, illuminazione, tutto ciò che servirà per ricevere, nei prossimi anni, sempre più navi passeggeri e merci”.

Il secondo bando riguarda invece l’affidamento, sempre con finanza di progetto, della concessione dei lavori e dei servizi, per oltre vent’anni, finalizzati alla realizzazione delle infrastrutture energetiche e reti dati (Smart Port) delle aree dei porti di Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle. Il valore del bando è di oltre 23 milioni e mezzo. In questo caso, l’iniziativa progettuale è stata avanzata dal Gruppo Free (Energy Saving ed Energia), leader sull’efficienza e sul risparmio energetico – con un portafoglio di oltre 60mila clienti – e da Luxmaster.

Servizi ed efficienza energetica sono gli obiettivi del piano dei servizi che correrà parallelo al piano industriale di porti della Sicilia occidentale. La rinascita delle aree portuali seguono lo schema illustrato dal presidente Monti: “riqualificare le aeree per attrarre velocemente più traffico; costruire e mantenere efficienti le infrastrutture; raggiungere emissioni zero entro un ventennio. E questo grazie agli investimenti privati. L’obiettivo – afferma Monti – è quello di avere, entro un ventennio, i porti di Palermo, Trapani, Termini Imerese e Porto Empedocle ad emissioni zero, grazie a nuovi impianti di cogenerazione per energia elettrica e termica”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Rivoluzione al porto di Palermo: verranno demoliti 7 immobili che coprono il mare

Cantiere Navale Palermo, Ugl: “Investimento da 75,5 milioni rilancerà l’occupazione”

Palermo, dopo 10 anni approvato il Piano regolatore portuale. Sbloccherà progetti e lavori

A “Bar Sicilia” si parla di porti con Pasqualino Monti: “Un grande progetto di rilancio” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.