Il Porto di Palermo nel mirino dei turchi: in arrivo grossi investimenti [FOTO] :ilSicilia.it
Palermo

Rumors danno la Turchia interessata al waterfront palermitano

Il Porto di Palermo nel mirino dei turchi: in arrivo grossi investimenti [FOTO]

di
3 Febbraio 2018

Il porto di Palermo “fa gola” agli investitori turchi. Scrive così oggi il Sole 24 Ore, riportando il progetto di sviluppo del terminal crociere e il riassetto delle aree dedicate alle navi Ro-Ro (per rotabili).

Domani a Roma arriverà il presidente Erdogan e «si intensificano i rumors – scrive il quotidiano finanziario – in merito al sempre maggior interesse turco, e segnatamente della Global ports holdings di Istanbul, per lo scalo siciliano. Un interesse, peraltro non sorprendente, visto che la Gph controlla già diverse società di gestione di terminal crociere in Italia. Detiene, infatti, il 70% della Cagliari cruise port, il 62% della Catania cruise terminal e il 51% della Ravenna terminal passeggeri».

Pare che ad attirare l’attenzione della Gph su Palermo ci sia il progetto di sviluppo dei terminal per le crociere e per le navi ro-ro messo a punto dall’Autorità portuale guidata da Pasqualino Monti.

SCORRI LA FOTOGALLERY:

A gennaio, infatti, l’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale ha  bandito un concorso internazionale di idee per la progettazione dei nuovi terminal crociere, passeggeri e ro-ro a Palermo. Il 20 aprile scadrà il termine ultimo per ricevere gli elaborati. Il vincitore del concorso riceverà un premio da 77 mila euro

Le successive fasi di progettazione valgono un importo di 3,27 milioni. Il costo complessivo delle opere ammonta, invece, a circa 70 milioni.

L’obiettivo per le crociere «è di creare un homeport (porto capolinea) per far sostare più a lungo le navi a aumentare la movimentazione di passeggeri dagli attuali 40omila a 1,2 milioni l’anno». Da qui, l’interesse della Turchia.

La notizia è stata commentata con soddisfazione dal noto docente palermitano di Architettura, Maurizio Carta, già consulente tecnico per la stesura del PRP (il Piano Regolatore del Porto di Palermo): «PALERMO FLUID CITY. Primi effetti del concorso internazionale di idee per la nuova stazione crociere e il terminal passeggeri e ro-ro del Porto di Palermo. La città liquida si apre alla città e al mondo diventando nuovo luogo urbano e più potente nodo globale».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti