Il post COVID e la tragedia annunciata del declino economico in Sicilia :ilSicilia.it

la riflessione di Elio Sanfilippo

Il post COVID e la tragedia annunciata del declino economico in Sicilia

di
3 Dicembre 2020

La gestione dell’epidemia del Covid da parte delle istituzioni, a tutti i livelli, ricorda molto il circo Barnum. Si ha spesso l’impressione, tra aperture e chiusure, chiusure e aperture che sia il Covid a smuovere il governo e non il governo a controllare il virus.

Vi è poi una gara a chi la spara più grossa, mentre aumenta la mortalità e i medici invocano a non abbassare la guardia e di essere messi nelle condizioni migliori per curare i malati.

Su questo si continua tergiversare in un rimbalzo delle responsabilità nel vecchio gioco dello scarica barile. Sembra, invece, che il problema principale degli italiani sia quello di andare a sciare o sui posti da stabilire per il cenone di Natale, senza preoccuparsi di quei cittadini che il cenone non se lo possono più permettere e che più delle settimane bianche li aspettano le settimane nere.

Si va sempre più consolidando tra la gente l’impressione che i governi si muovano a tentoni, senza far tesoro dell’esperienza dell’estate scorsa e che, ancora una volta, le aperture concesse saranno intese come un “liberi tutti”. L’assegnazione, inoltre, dei colori alle diverse regioni  per stabilire la dimensione della pericolosità del virus, con le polemiche e le proteste conseguenti, hanno dato l’impressione che i criteri per queste scelte e i successivi cambiamenti  obbedissero più a criteri politici che  ricavati da dati scientifici.

Gli esperti, infatti, temono il pericolo di una terza ondata e non è da escludere che, cinicamente, il governo l’abbia messa nel conto ma che presto si potrà fare affidamento sui vaccini e per quelli che non ce l’hanno fatta pazienza!

Ancora più preoccupante è che nessuno si ponga il problema di quello che succederà dopo la fine dell’epidemia  e, per quel che ci tocca più da vicino, che Sicilia troveremo.

Il governo nazionale e regionale, non essendo stati in grado di trovare un giusto equilibrio tra il diritto alla salute e il diritto al lavoro, hanno fatto ricorso alla politica dei ristori.

Contributi più o meno celeri erogati  sulla spinta delle pressioni delle diverse categorie, in particolare quelle più protette politicamente e sindacalmente, con le proteste di quelle escluse, non inseriti in un serio e rigoroso programma in grado di affrontare complessivamente l’emergenza.

Tutti  questi provvedimenti hanno  lo scopo di sostenere i consumi, nessun sostegno invece alla produzione, nessun aiuto al pur fragile sistema produttivo e a quegli imprenditori che caparbiamente ancora resistono e non vogliono mollare, ma fino a quando.?

Il day after, superata l’emergenza, troverà una Sicilia più povera ed emarginata  con meno imprenditori, in un contesto di desertificazione produttiva e con ancora più giovani che lasceranno l’isola. Non potrà reggere a lungo una economia che galleggia sulla sottoccupazione, il lavoro nero, il precariato e l’assistenzialismo.

Si accentuerà il divario con il nord Italia  per cui l’attenzione sarà rivolta alle aree più forti del paese in grado di integrarsi con il resto dell’Europa per evitare il declino. Ancora ancora una volta sarà sacrificato il Mezzogiorno e la Sicilia considerati un costo per la collettività e che mal si conciliano con lo sforzo di ancorarsi all’Europa e con l’esigenza di tutelare le aree dove si produce e si concentra la ricchezza del paese.

Cosa accadrà quando cesseranno gli ammortizzatori sociali, dal momento che le risorse non sono infinite, e le famiglie hanno raschiato il fondo dei loro risparmi? Cambieranno anche i rapporti sociali, si affievoliranno i valori della solidarietà e della convivenza civile e riprenderà vigore l’economia illegale, la microcriminalità e la mafia troveranno nuova linfa nelle aree più emarginate e disperate. È un quadro a tinte fosche che induce al pessimismo, ma per evitarlo non sono sufficienti gli scongiuri ma occorre agire subito, perché dopo sarà troppo tardi.

Tutti oggi ripongono la speranza nelle risorse che, pare in quantità significative, saranno assegnate alla Sicilia dal Recovery Fund. Nessuno, però, si preoccupa di rimuovere gli ostacoli, come l’esperienza ha dimostrato, che impediscono alla Sicilia di utilizzare presto bene i finanziamenti europei che in larga parte rimangono nei cassetti e quelli che si spendono, distribuiti in mille rivoli, non determinano un cambiamento strutturale della nostra economia.

Quale è il progetto di sviluppo per il futuro della Sicilia, come trasformare le idee in progetti, come attrezzare la pubblica amministrazione  perché da palla al piede diventi supporto per lo sviluppo? Sono questi i temi su cui sarebbe necessario aprire un subito un confronto per approdare a soluzioni e al pessimismo dell’intelligenza accompagnare l’ottimismo della volontà.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin