"Il primo Natale": da oggi nelle sale il film di Ficarra e Picone | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

Il nuovo film del duo palermitano

“Il primo Natale”: da oggi nelle sale il film di Ficarra e Picone | Video interviste

di
11 Dicembre 2019

Guarda le video interviste

Anteprima nazionale a Palermo per il film di Salvo Ficarra e Valentino Picone, “Il primo Natale“, nelle sale da giovedì 12 dicembre.

Con un tuffo nel passato, e nella storia, pari ad oltre mille anni i due comici ripercorrono, tra vicissitudini e imprevisti, le tappe della nascita di Gesù tornando, fisicamente, all’anno zero.

Scritto insieme a Nicola Guaglianone e Fabrizio Testini, il film che sarà distribuito in oltre 700 sale in tutta Italia, racconta l’incontro, imprevisto e dai risvolti imprevedibili, tra Salvo (Ficarra), ladro di arte sacra, ateo convinto, e Valentino (Picone) prete affascinato dalla potenza iconica del presepe che vive a Roccadimezzo Sicula.

Da un incontro fortuito i loro mondi, diversissimi per mille aspetti, confluiranno “magicamente” in un enorme presepe vivente: la Palestina dell’anno zero pochi giorni prima la nascita di Gesù.

Ficarra e Picone

Nelle note di regia si legge come l’ultimo film di Ficarra e Picone, duo amatissimo dal pubblico siciliano e non solo, siano stati promossi dalla Medusa (che insieme ad Attilio De Razza produce il film) per realizzare un “film di Natale“.

A guardare bene il film non è sul Natale ma sul compleanno di Gesù – si legge sempre nelle note di regia – infatti il risultato, che passa dall’incontro in carne ed ossa con Erode (un ottimo Massimo Popolizio), l’unione con i “ribelli” della Palestina, capitanati da un convincente Giovanni Calcagno, offrirà lo spunto per conoscere loro stessi, i loro limiti scoprendo il coraggio di fronte al pericolo.

Il film, che oscilla tra passato e presente, non manca di spunti di contemporaneità per quanto i due protagonisti non abbiamo confermato, alla presentazione alla stampa, alcun richiamo alla politica o alla cronaca.

Di sicuro la presenza di una “nave salva migranti” non può che far pensare all’attualità.

Nel cast artistico anche Roberta Mattei (Rebecca), Giacomo Mattia (Isacco) e, per la prima volta sugli schermi Giovanna Marchetti (Sara); la fotografia del film è di Daniele Ciprì.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.