Il progetto sulla dorsale dei Nebrodi, Antoci: "La Regione prende un abbaglio" :ilSicilia.it
Messina

finanziato con 5 milioni di euro

Il progetto sulla dorsale dei Nebrodi, Antoci: “La Regione prende un abbaglio”

di
4 Ottobre 2018

Il progetto per la valorizzazione della Dorsale dei Nebrodi, finanziato dalla Regione con cinque milioni di euro è al centro del messaggio di Giuseppe Antoci, ex presidente del Parco dei Nebrodi.

Un comunicato stampa della Regione Siciliana con tanto di dichiarazioni del presidente Musumeci – scrive in una nota –  è stata inviato agli organi di informazione per comunicare che la Regione ha finanziato per 5 milioni di euro il progetto di Ingegneria naturalistica della Dorsale dei Nebrodi che per 64 chilometri va da Floresta a Mistretta”. 

Nel comunicato delle presidenza della Regione – aggiunge Antoci –  si dice chiaramente: ‘opera finanziata dall’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente’; peccato invece che quel progetto era già stato deliberato dal Comitato Esecutivo del Parco dei Nebrodi presieduto da me e che i fondi nulla hanno a che vedere con fondi regionali bensì, gli stessi, sono stati garantiti dal Patto per Il Sud della citta Metropolitana di Messina come tra l’altro correttamente riportato dalla Gazzetta del Sud di questa mattina”.

nebrodiPer i Nebrodi – continua –tale attività è stata coordinata da me nella qualità di Presidente del Parco e le destinazioni delle somme sono state decise di concerto con tutti i sindaci coinvolti. In epoca di fake news non ci si può stupire che le stesse vengano propinate con regolarità ai lettori ma che sia una istituzione come la Regione a modificare la realtà appropriandosi del lavoro svolto con grande passione e determinazione dal Parco da me presieduto e dai sindaci che hanno scelto la destinazione delle somme per il territori, più che una fake news mi sembra veramente una barzelletta”.

Ma quali fondi regionali? Li abbiamo conquistati noi e sudati giorno per giorno assicurandoci le somme a valere dal Patto per il Sud della Città Metropolitana di Messina. Insomma un incidente di comunicazione che metterà senz’altro in forte imbarazzo il Governatore Musumeci e che, nel contempo, lascia un pò di amarezza in quanto è come se si volesse cancellare tutto il lavoro dell’epoca svolto da me e dai sindaci che, con grande affiatamento, hanno garantito circa 65 milioni di euro per i Nebrodi dal Masterplan di Messina e di cui proprio i 5 milioni della dorsale fanno parte. Dunque fondi non regionali e progetto del Parco finanziato dal Governo Nazionale per il tramite della Città Metropolitana di Messina”.

Sono stato in silenzio nei mesi successivi alla mia revoca da Presidente del Parco vedendo tanti progetti messi in cantiere da me, dal mio Comitato Esecutivo e dal Consiglio del Parco che, se pur non citando mai il nostro impegno, venivano presentati come nuove iniziative e l’ho fatto perché ho ritenuto che l’importante era portare avanti le idee messe in campo indipendentemente da vederne attribuiti i meriti; ma questa della dorsale non si può proprio sentire… questa è troppo grossa. Prendersi i meriti di una cosa sulla quale la Regione non c’entra nulla mi sembra veramente istituzionalmente imbarazzante”.

“Inoltre – prosegue Antoci non capisco come si possa pensare che le persone abbiano potuto dimenticarsi di un così importante obiettivo raggiunto dalla mia presidenza e di cui ha parlato tutta la stampa in epoche recentissime. Nonostante questo incidente di comunicazione nel quale è scivolato il Presidente Musumeci  provo una grande soddisfazione nel constatare che il progetto della dorsale, al quale tanto ho lavorato e per il quale tanto mi sono speso, sia ormai alle battute finali e questo, ovviamente, indipendentemente da chi ha reso possibile il finanziamento”.

“Certo da questa vicenda un insegnamento lo possiamo trarre: mai sottovalutare l’intelligenza e la memoria delle persone in quanto la prima è patrimonio dei più, mentre la seconda non si cancella mai. La memoria crea la storia e non si modifica raccontando a proprio piacimento gli eventi ne, tantomeno, si cancella con gli spoil system o le revoche degli incarichi. Quella – conclude Antoci –  rimane sempre con un unico vincolo e cioè che la scrivono i giusti…. Viva il Parco dei Nebrodi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.