"Il re delle scommesse aiutato da due politici": indagati Alberto Firenze (Pd) e Pietro Alongi, ex deputato regionale Ncd :ilSicilia.it

era riuscito a piazzare un emendamento nella legge finanziaria

“Il re delle scommesse aiutato da due politici”: indagati Alberto Firenze (Pd) e Pietro Alongi, ex deputato regionale Ncd

di
1 Febbraio 2018

Ninì Bacchi, il re delle scommesse on line e socio dei boss siciliani, avrebbe goduto dell’aiuto di due politici ed era così riuscito a piazzare un emendamento nella legge finanziaria 2016 allo scopo di sanare 700 centri scommesse non autorizzati.

L’emendamento poi non passò, ma le intercettazioni della squadra mobile di Palermo hanno svelato i contatti politici di Bacchi. E uno dei collaboratori più stretti dell’ex sottosegretario Pd all’Istruzione Davide Faraone è finito indagato: si tratta di Alberto Firenze (in foto di apertura nel corso di una manifestazione politica), consigliere comunale berlusconiano a Castelvetrano, poi capo dello staff di Faraone. Uno degli organizzatori della Leopolda Siciliana, la convention palermitana del Pd fortemente voluta proprio da Faraone; è stato infatti proprio Firenze che smessi i panni azzurri, ha scelto la via del renzismo. Eletto presidente dell’Ersu di Palermo (l’ente che gestisce le borse di studio dell’Università), ha poi fatto gli onori di casa alla convention dei Democratici, voluta dal delfino siciliano di Matteo Renzi. Firenze ha inoltre ricevuto la nomina di componente della fondazione RI.MED nel consiglio di amministrazione.

Bacchi avrebbe incontrato anche il deputato regionale Pietro Alongi, dell’Ncd, indagato pure lui. Nel 2016, ci fu grande fervore per quell’emendamento. Il 30 settembre Bacchi incontrò Firenze nel padiglione 19 di viale delle Scienze.

All’ingresso c’erano anche gli investigatori della squadra mobile “mischiati” con gli studenti.

Quel giorno Firenze avrebbe parlato con Eugenio Ceglie, un collaboratore dell’allora sottosegretario Faraone, della possibilità di inserire l’emendamento che tanto stava a cuore a Bacchi nel Decreto “Mille proroghe”. Poi Firenze parlava con uno dei collaboratori di Bacchi, Devis Zangara, pure lui finito in manette.

Zangara diceva a Firenze di non essere riuscito ad arrivare in tempo all’appuntamento e aggiungeva: “Alberto, domani mattina possiamo vederci? Perché io avrei delle cose da dirti». Firenze avrebbe detto: «Io da domani sono impegnato in questa conferenza… avrò duecento persone che vengono da tutta Europa e io sono inserito in tutte le cose… Non lo so, non riesco a darti nessun orario, io sono nell’edificio 19. Ti volevo aggiornare di alcune cose – continuava – perché poi parlando con un amico mio oggi… dice che mille proroghe non è una cosa di adesso, è una cosa che potrà avvenire”.  E Firenze rispondeva: “Vedi che si sta preparando il decreto Mille proroghe… stanno lavorando a questo». Zangara chiedeva: «Tu mi dai questo… come mi hai dato la sicurezza, la certezza perché ci sono… e poi ci sono altre cose che ti volevo dire, ma te lo dico di presenza». E Firenze avrebbe dato l’appuntamento: “Domani mattina dalle nove sono qua, all’edificio 19 e mi trovi qua tutto il giorno”.
Sempre le intercettazioni dicono che a ottobre il manager dei boss aveva provato a far riaprire i termini per la sanatoria nel decreto “Terremoto”, ma non c’era riuscito. E il genero di Alongi, Alessandro Rubino, al telefono: “Non ci credo che tutte queste persone ti dicono tutte le stesse cose e non è vero niente”. Poi spiegava: “Le prime notizie che ci hanno dato, sembra che non sia nel blocco centrale… però loro sostengono che ci saranno degli emendamenti attuativi e correttivi”.

E ancora Bacchi avrebbe cercato Alongi al telefono: “Sono all’ingresso dell’assessorato, via delle Croci”. Il pomeriggio del 29 settembre, un altro incontro al Bar Cavour. Bacchi, Alongi, Zangara e Rubino.
Il 7 novembre la presentazione dell’emendamento che tanto stava a cuore a Bacchi, che viene inserito nel disegno di legge 4127 bis, la legge finanziaria.

E’ l’onorevole Paola Binetti (Area Popolare) a chiedere che venga inserito quell’emendamento che prevedeva la riapertura dei termini per la sanatoria dei 700 centri scommesse non autorizzati. Ma l’emendamento viene dichiarato inammissibile. Viene ripresentato dagli onorevoli Paolo Tancredi e Filippo Piccone, ma alla fine l’emendamento fu bloccato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.