Il re dell'estate, il "Gelo di mellone". Ecco la ricetta per prepararlo | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Un irresistibile dolce siciliano al cucchiaio

Il re dell’estate, il “Gelo di mellone”. Ecco la ricetta per prepararlo

di
18 Giugno 2018

Il gelo di mellone è una gelatina fresca e leggera, arricchita con gocce di cioccolato e, per ornamento, con fiori di gelsomino; bello e buono, tradizionale a Palermo per il Festino di Santa Rosalia, è chiamato “gelo di mellone” a causa di una italianizzazione del termine dialettale muluni, che viene usato per indicare l’anguria.

Due le ipotesi sulla sua origine: una lo farebbe risalire alla dominazione araba in Sicilia e l’altra, sul finire del Basso Medioevo, dalla popolazione arbëreshë, che si insediò nell’entroterra palermitano; ma andiamo alle dosi e alla preparazione.

Dosi

  • 1 Litro di succo di Anguria
  • 100 grammi di amido per dolci
  • 1/2 limone spremuto
  • Zucchero q.b.a. v (quanto basta a voi)
  • Gocce di cioccolato
  • Granella di pistacchio
  • 10 Fiori di gelsomino
  • 10 bicchierini, coppette o ciotoline, in cui versarlo

PREPARAZIONE

1) Mettere l’anguria a pezzi, priva dei semi, nel passino, fino ad ottenerne un litro.

2) Mettere il liquido ottenuto in una ciotola, far penetrare 100 grammi di amido con un colino, e aggiungere mezzo limone spremuto.

3) Trasferirlo sul fuoco, fino a quando sarà diventato denso come una crema.

4) Versarlo in 10 bicchierini, coppette o ciotoline e, solo quando si sarà raffreddato, aggiungere le gocce di cioccolato, la granella di pistacchio e guarnire con fiori di gelsomino.

Voilà, il gelo di mellone è pronto per essere divorato.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.