Il rettore dell'Università di Messina, Cuzzocrea, eletto vicepresidente Crui :ilSicilia.it
Messina

prestigioso riconoscimento

Il rettore dell’Università di Messina, Cuzzocrea, eletto vicepresidente Crui

di
17 Dicembre 2020

Il Rettore dell’Università di Messina, prof. Salvatore Cuzzocrea, è stato eletto vicepresidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane. Prestigioso riconoscimento per il prof. Cuzzocrea e per l’Ateneo di Messina che potrà così contare su una autorevole rappresentanza in seno al massimo organo di governance istituzionale delle Università italiane.

L’importante incarico, che riveste una valenza strategica, si aggiunge a quello dello scorso marzo, che aveva visto il Rettore Cuzzocrea entrare a fare parte della giunta CRUI, e segna un indiscusso riconoscimento al forte impegno e agli sforzi compiuti dall’Università di Messina, anche durante l’emergenza sanitaria.

“Sono molto soddisfatto. Questo non è un riconoscimento al Rettore Cuzzocrea- ha sottolineato il neo Vicepresidente – ma premia il lavoro e l’impegno profusi dall’Università di Messina, i significativi risultati conseguiti in questi ultimi anni, e il supporto che il nostro Ateneo, insieme alle altre Università siciliane, ha dato allo sviluppo del sistema universitario italiano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.