Il ricordo di Antonino Vullo sopravvissuto in Via D’Amelio (VIDEO esclusiva) | ilSicilia.it :ilSicilia.it

"Grazie anche a Voi perchè contribuite a non far dimenticare anche i nostri colleghi con i giudici"

Il ricordo di Antonino Vullo sopravvissuto in Via D’Amelio (VIDEO esclusiva)

28 Maggio 2019

L’agente Antonio Vullo, oggi in pensione, è l’unico sopravvissuto della strage di Via D’Amelio, ventisette anni fa il 19 luglio.

Sei morti quel tragico giorno dopo la strage di Capaci – il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti di scorta.

 

Vullo, all’epoca, era in servizio come autista: il giorno della strage, alle 16.00, nell’attimo in cui Paolo Borsellino ed i cinque colleghi della scorta scendevano dall’auto per andare a citofonare alla madre del giudice (prima di saltare in aria a causa di una Fiat 126 imbottita di tritolo), lui è tornato indietro per parcheggiare meglio la macchina.

«Mentre ero girato con il viso per fare retromarcia, ho sentito un’ondata di calore infernale e poi il boato. Sono sceso dall’auto che era già in fiamme. Intorno a me era tutto buio», ha raccontato.

«Ho avuto una sensazione quel giorno. Fisicamente sono uscito dall’auto da solo, ma è stato come se i miei cinque colleghi e il magistrato mi avessero tirato fuori mentre stava prendendo fuoco».

Oggi ci racconta della sua bella amicizia con Vito Schifani l’agente della scorta di Giovanni Falcone che perse la vita nella strage di Capaci.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.