Il ricorso contro l'ordinanza di Musumeci, i giuristi Zucchelli e Raffiotta: "E' legittima" :ilSicilia.it

Parola ai due esperti

Il ricorso contro l’ordinanza di Musumeci, i giuristi Zucchelli e Raffiotta: “E’ legittima”

di
27 Agosto 2020

La lotta politica da parte del governatore Musumeci sull’emergenza migranti in Sicilia ha dato i suoi frutti. Iniziano a svuotarsi gli hotspot siciliani. Ieri sera la conferma da parte del sindaco di Messina Cateno De Luca sul Cas della Caserma Gasparro. Oggi andranno via da Lampedusa ben 850 nordafricani attraverso due navi quarantena.

Intanto è stato depositato nella serata di ieri al Tribunale amministrativo regionale Sicilia il ricorso del Governo nazionale contro l’ordinanza del presidente della Regione Musumeci che prevede la chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza per migranti presenti sull’isola. Il governo ha scelto non la strada dell’impugnativa Costituzionale ma quella del ricorso amministrativo. Numerose le parole di solidarietà nei confronti del governatore siciliano e della sua ordinanza.

In queste ore tantissimi intellettuali e giuristi di ogni area mi stanno esprimendo il loro sostegno. E si fa strada – scrive Musumeci su Facebook– sempre più la consapevolezza che il diritto alla salute e la dignità della persona non possono essere negoziabili. Mi conforta, tra tante inutili polemiche, – conclude – il sentimento di condivisione del popolo siciliano e di tanti da ogni parte d’Italia. La nostra è una battaglia di civiltà. Che non si fermerà”.

La Sicilia resisterà contro il ricorso e lo farà sostenendo che lo Stato erra nell’imputazione di competenza. L’ordinanza del presidente della Regione, infatti, non verte sul tema dei migranti ma sul tema sanitario, competenza che la riforma costituzionale del 2011 assegna alla Regione.

Della legittimità dell’ordinanza ne è convinto Claudio Zucchelli, ex Presidente del Consiglio di Giustizia per la Regione Siciliana dal dicembre 2015 al dicembre 2017, ed ex direttore per dieci anni del Dagl, il dipartimento affari giuridici e legislativi di Palazzo Chigi. Il giurista ha messo on line un parere che liquida l’argomento della “nullità” dell’ordinanza: “È errato, oltre che scorretto, – scrive Zucchelli – sostenere che non ha alcun valore, essa ha forza e valore di provvedimento amministrativo». Se ne desume che «fino a quando il giudice amministrativo non lo annulli o sospenda gli effetti, è esecutivo ed esecutorio”.

Secondo Zucchelli del resto, l’ordinanza non solo è legittima perché su materia sanitaria, ma il governatore ha anche il potere di farla applicare, in forza dell’articolo 31 dello Statuto della Sicilia, secondo cui “al mantenimento dell’ordine pubblico provvede il Presidente della Regione a mezzo della polizia di Stato, la quale nella Regione dipende disciplinarmente, per l’impiego e l’utilizzazione, dal governo regionale”.

Ma Zucchelli non è il solo che ha questa idea. Anche Edoardo Carlo Raffiotta, abilitato alle funzioni di Professore ordinario di diritto costituzionale, è attualmente Professore associato di diritto costituzionale presso il dipartimento di scienze giuridiche dell’università di Bologna. Ha anche scritto un testo in materia di diritto e migranti.

Le parole di Raffiotta

L’ordinanza richiama varie fonti di legge dello Stato e poi anche lo Statuto Siciliano – afferma Raffiotta – Ce ne una su tutte sui cui si poggia questa ordinanza articolo trentadue della legge 833 del 1978 che  prevede che in caso di emergenze nazionali il ministro può adottare atti amministrativi in deroga alla legge per appunto risolvere emergenze sanitarie. Lo stesso articolo dà lo stesso potere anche al presidente della Regione sul territorio. Vero è che la competenza dello Stato, ma è proprio lo Stato che attraverso questo articolo 32 attribuisce questa funzione alla Regione”.

L’esperto argomenta: “Chi critica questa ordinanza non ha letto l’articolo. Nel caso di specie c’è una emergenza sanitaria regionale? Assolutamente sì – è il ragionamento -. I migranti sono sopra affollati che non interessano soltanto i centri regionali e la competenza dell’immigrazione ma interessano anche la cittadinanza siciliana. In più con l’aggravante che questi immigrati scappano rappresentando un pericolo ulteriore per la sanità regionale. Musumeci aveva il dovere intervenire. Il problema è che in una gestione ordinaria il governo sarebbero dovuto intervenire in questa situazione di emergenza. Musumeci – conclude – si è trovato costretto a mettere l’accento in merito a questa problematica oggettiva“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.