21 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.59

Il Risorgimento siciliano “al femminile”, la storia di Rosa Donato

21 Giugno 2019

C’è un Risorgimento siciliano al femminile, ma sappiamo che la memoria storica non è il nostro forte, di cui ben poco si parla. Eroine che, tanto quanto gli eroi del sesso forte, hanno dato un contributo fattivo alla storia di quella complessa vicenda che porterà all’unità del Paese.

Mi sono occupato, in precedenti interventi, di Antonina Cascio, la messinese che è stata protagonista di ben tre rivoluzioni, ora tocca a Rosa Donato, anche lei messinese.

Questa figlia del popolo, che vestiva con abiti maschili e si comportava da maschio, la troviamo, armi in pugno, nel fuoco della rivolta antiborbonica del 1848. Senza temere per la sua vita, tanto che il patriota messinese Giuseppe La Farina affermava nelle sue memorie che “aveva un cuore per audacia e per abnegazione”, negli otto mesi che durò la rivolta si trovò sempre in prima linea. Ma quel che la rese famosa fu il fatto che, proprio ad una donna, fosse stato affidato ma, piuttosto, si fosse lei stessa affidata, il comando di una batteria di cannoni, quella di “Pizzillari, nella zona di “Portalegni”. Da quella postazione Rosa Donato bersagliava, con colpi micidiali, gli avversari.

Quando i Borbone, dopo l’orrendo bombardamento che valse a Ferdinando II il dispregiativo nomignolo di “re bomba”, riuscirono a riprendere Messina, Rosa Donato, una dei pochi sopravvissuti agli scontri, fu catturata e richiusa in un’orrida prigione. Lì, nonostante fosse donna, non ebbe un trattamento speciale, anzi, immaginando che tenesse segreti su patrioti sfuggiti alle retate, fu sottoposta a terribili torture. Si dice che, nonostante le afflizioni, Rosa Donati mantenesse un atteggiamento dignitoso e, nonostante le profferte dei suoi carcerieri, non tradì i suoi compagni d’avventura.

In quella prigione passò diversi anni e, alla fine, quando riconquistò la libertà, scoprì di essere sola e senza mezzi per sostenersi. Nessuno di quelli che in qualche modo avevano simpatizzato per la rivoluzione, forse anche per paura delle ritorsioni borboniche, le diede una mano per potersi sostentare.

Così, Rosa, l’eroina senza macchia e senza paura, la ritroviamo, vestita alla bene e meglio, a vagare per le vie cittadine con la mano stesa a chiedere l’elemosina”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.