"Il ritratto magico" di Fulvio Di Piazza da Arèa in piazza Rivoluzione a Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

incontro di presentazione sabato 22 febbraio

“Il ritratto magico” di Fulvio Di Piazza da Arèa in piazza Rivoluzione a Palermo

18 Febbraio 2020

Sabato 22 febbraio 2020, dalle 18 a piazza Rivoluzione (Ingresso Via Schiavuzzo 65 , Palermo), Arèa presenta il corso di pittura “Il ritratto magico” proposto da Fulvio Di Piazza.

Il corso di pittura  che verrà condotto da Fulvio Di Piazza, docente di pittura presso l’accademia di belle arti di Palermo, quest’anno sarà incentrato principalmente sull’apprendimento delle tecniche della pittura ad olio, intendendo con questo tutto ciò che è necessario ad una ottimale realizzazione di un dipinto ad olio.

Partendo da alcuni cenni storici che chiariranno quali sono le origini di questa tecnica e come è stata utilizzata nei secoli dai pittori europei, fiamminghi in primis, il corso si svilupperà nei primi due giorni circa sulla preparazione delle imprimiture necessarie per ottenere una buona base su cui dipingere e sulla preparazione dei medium necessari per una resa ottimale nella stesura dei colori. L’idea del ritratto magico non è da intendersi necessariamente come rappresentazione di un soggetto fantastico sulla superficie del quadro ma si riferisce a quelle qualità insite nei materiali che venivano utilizzati anticamente e che conferivano al soggetto che veniva rappresentato una aura magica.

Il concetto di magia è insito nel processo “alchemico” attraverso il quale si ottenevano gli strumenti che i pittori utilizzavano per creare e conservare le loro opere. Ai partecipanti al corso verrà chiesto di fornirsi di tavole di legno su cui dipingere, i materiali per la preparazione verranno messi a disposizione dal docente stesso. Infine gli artisti -allievi saranno coinvolti in una esposizione collettiva.

Fulvio Di Piazza è un artista contemporaneo, che racchiude in se vari stili come un egemonico surrealismo caratterizzato da note naif, o dall’iperrealismo in chiave contemporanea, fino ad assumere il moderno ruolo di concept artist. Nelle sue opere bisogna cogliere i dettagli e non fermarsi alla prima impressione per capirle, immergersi realmente, riflettere  ed emozionarsi.

 

* Foto di Giorgia Görner Enrile

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona