Il sangue, i riti, le minacce: così la mafia nigeriana controllava Ballarò :ilSicilia.it
Palermo

le torture dell'iniziazione

Il sangue, i riti, le minacce: così la mafia nigeriana controllava Ballarò

di
4 Aprile 2019

Un massacro a suon di musica che culminava con un brindisi con una coppa di sangue. I nuovi affiliati erano costretti a subire questo e altro ancora per giurare fedeltà al clan “Eiye”, una cellula della mafia nigeriana che oggi, 4 aprile, è stata colpita al cuore dagli uomini della Squadra mobile di Palermo.

Nell’operazione “No fly zone” sono state arrestate 13 persone che avevano preso il controllo del business nel popolare quartiere di Ballarò. A dare la stura all’inchiesta, due pentiti che facevano parte dell’organizzazione.

 “Ingoia, ingoia, ingoia, apri gli occhi, quanti ne vedi, quante dita vedi…”. Il dialogo è estrapolato da una parte delle intercettazioni ambientali fatte dalla polizia. In sottofondo, il rumore sordo delle botte con cui i futuri affiliati venivano costretti a bere il sangue. Rumori inequivocabili accompagnati da canti sacri e musica.

“Giuro di sostenere Eiye confraternita moralmente e spiritualmente, finanziariamente e in qualsiasi altro modo e se non lo faccio che il ‘volture’ (l’avvoltoio, ndr) spietato mi strappi gli occhi. Se non rispetto il mio ibaka, rugged per l’eternità'”. 

Tradire equivale a morire, vivere vuol dire obbedire: una sola legge, un solo scopo. Questo, il giuramento finale che poneva fine al pestaggio e alle torture prima di essere accolto nell’organizzazione.

Le indagini, partite dalla denuncia di una ragazza vittima della tratta e della prostituzione, ha permesso alla Squadra mobile di scoprire una casa d’appuntamenti a Ballarò e da lì è stata in grado di ricostruire il ruolo svolto da ciascun appartenente all’interno dell’organizzazione criminale.

 

LEGGI ANCHE:

Mafia nigeriana a Ballarò: scatta il blitz, tredici arresti della polizia | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.