Il senatore D’Alì: "FI in Sicilia ha bisogno di una nuova guida" :ilSicilia.it

Per il politico azzurro le elezioni sono state "Un disastro"

Il senatore D’Alì: “FI in Sicilia ha bisogno di una nuova guida”

di
11 Marzo 2018

Alla luce dei risultati delle urne, del 4 marzo scorso, il senatore di Forza Italia Antonio D’Alì esterna un’analisi sulla situazione del suo partito in Sicilia.

Parla di “gestione fallimentare del partito“, definisce le ultime elezioni Politiche “un disastro” ma, soprattutto, invoca un nuovo leader per Forza Italia nell’Isola.

“Purtroppo avevo ed ho ragione. Armati di coraggio e di rispetto per i nostri elettori – dice – adesso chiedono di porre fine ad una gestione fallimentare del partito anche cinque deputati regionali  oltre che ampie fasce un po’ da tutta la Sicilia

Sono certo che l’azione coraggiosa, sorretta da argomenti seri e non di mero poltronificio, degli onorevoli Calderone, Cannata, Caronia, Gallo, e Genovese, già bollati come ‘ribelli’, giungerà presto all’attenta valutazione del presidente Berlusconi

Queste elezioni sono state un disastro, pur in una terra generosa come la Sicilia. L’aritmetica non si può smentire: siamo passati dal 26% e dai 14 senatori del 2013 (quando Miccichè era fuori da Forza Italia) al 20% e ai soli 3 senatori del 2018.

Nonostante ciò, c’è qualcuno che cerca pure di cantar vittoria e che non si capisce che film abbia visto la notte del 4 marzo, come osserva giustamente la stampa.

I patetici comunicati con cui gli amici di Miccichè – incalza D’Alì cercano di nascondere la verità, rafforzano agli occhi di tutta la Sicilia, e dell’Italia intera, l’evidente fallimento di una gestione da condominio“.

Per il senatore azzurro, la mala gestio del partito, in Sicilia, avrebbe causato danni anche all’indirizzo nazionale: “Hanno azzerato lo sforzo titanico del presidente Berlusconi e gli hanno precluso la guida del Paese con liste platealmente rifiutate dagli elettori, costruite con la ingenua complicità di un tavolo nazionale ignorante delle singole realtà e sordo ad ogni richiamo”.

Tra le denunce del politico trapanese, inoltre, c’è anche quella di aver conosciuto la composizione finale “Dei fallimentari listini” soltanto dai giornali.

“Occorre una vera nuova stagione di dibattito e di vicinanza ai territori – conclude D’Alì – perché Forza Italia, in Sicilia, ha bisogno di una nuova guida”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.